Fondazione CRC sostiene il progetto “Covidless Approach&Trust”

Un progetto di promozione del territorio sostenuto dalla Fondazione CRC e realizzato dall’Università di Torino

Più informazioni su

Alba, Bra, Frabosa Soprana, Frabosa Sottana, Limone Piemonte, Saluzzo, l’Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo e l’Unione Montana Valle Maira hanno accettato la sfida di contrastare gli effetti del Covid19 e hanno ottenuto l’attestazione Covidless Approach & Trust dell’Università di Torino.

Il progetto, sostenuto e supportato dalla Fondazione CRC, ha valutato questi territori in base a 7 asset strategici − tra cui la capacità ricettiva sicura, l’intrattenimento, le strutture ospedaliere, la ristorazione, il sistema ricettivo, le facilities per sport e benessere e l’amministrazione smart – con l’obiettivo di attestare la fruibilità dei servizi delle città in sicurezza.

“Questa iniziativa è in linea con la strategia adottata dal nostro Ente e dalla Regione Piemonte che ha come obiettivo non solo la promozione della bellezza paesaggistica e culturale del nostro territorio, ma anche la garanzia di un soggiorno sicuro per i turisti che scelgono il Piemonte come meta”- spiega il Presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Luigi Barbero – Le strutture ricettive, i ristoranti e le osterie, i musei e tutte le aziende del settore si sono adeguate rapidamente alle linee guida e si stanno attenendo scrupolosamente alla normativa anti-Covid.

È quindi importante che ci sia un’attestazione scientifica e un logo ben riconoscibile a livello nazionale e internazionale come il Covidless Approach & Trust a certificare la massima attenzione di tutto il comparto turistico, soprattutto in vista della ripresa dei flussi nei prossimi mesi”. Un percorso, quello sfociato con la consegna dell’attestazione di questo pomeriggio, che ha fatto sedere allo stesso tavolo il Presidente delle Provincia di Cuneo, l’ATL del Cuneese, l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, le Amministrazioni Comunali e le Associazioni di categoria per dichiarare a gran voce che la provincia Granda ha Città Resilienti e Covidless. “L’Università di Torino si conferma al servizio del territorio e promotrice di azioni innovative e di cambiamento, anche per contrastare eventi esterni e imprevisti” afferma il professor Paolo Biancone, responsabile scientifico del progetto Covidless Approach and Trust.

“È importante fare di necessità virtù, cogliendo le opportunità e le sfide della situazione di crisi che ha investito i territori in questi ultimi mesi”. È la prima esperienza a livello europeo che valuta i territori in modo sistematico e dettagliato, per garantire a turisti e cittadini una piena esperienza del territorio, senza timori per la salute. “La provincia cuneese si è mossa come sistema coeso, garantendo la collaborazione e il sostegno necessari per sviluppare al meglio questo progetto” dichiara Giandomenico Genta, Presidente della Fondazione CRC. “A dimostrazione di quanto la promozione e la valorizzazione di un turismo sostenibile, sicuro e accogliente sia di interesse comune e costituisca un asset strategico per l’affermazione dell’economia delle nostre imprese e delle nostre strutture ricet

tive. Ora la sfida è far conoscere questa realtà anche ai turisti esteri”.

Le amministrazioni comunali fanno da regia a tutti gli attori del territorio che giocano in squadra: il territorio Covidless offre in sicurezza iniziative di intrattenimento, percorsi turistici ed enogastronomici, visite e musei, sistema ricettizio-alberghiero, ma anche assistenza sanitaria tempestiva sul territorio, dotato di ospedali all’avanguardia, preparati all’assistenza Covid19 dedicata, con servizio di assistenza a domicilio per i casi meno gravi.

“Fare sistema è sempre stato importante, ma in questo momento risulta più che mai fondamentale. – asserisce Mauro Bernardi, Presidente dell’ATL del Cuneese – Attraverso una solerte predisposizione di servizi turistici conformi alle più recenti disposizioni per il contenimento del contagio, abbiamo dimostrato sensibilità e grandi capacità di cambiamento e di innovazione, indispensabili per mantenere alto il potere attrattivo del nostro territorio sia in Italia che all’estero. È molto importante, oggi, portare in rilievo un’immagine di destinazione turistica consapevole, pronta ad accogliere i turisti anche in una fase di post emergenza proponendo esperienze di viaggio autentiche e indimenticabili, in piena sicurezza. Ci avviciniamo ormai alla stagione autunnale ed invernale: lavorare per adeguare alla situazione contingente l’offerta turistica in vista di queste due stagioni turisticamente importanti è più che mai necessario”.

Alla consegna degli attestati erano presenti: Giandomenico Genta – Presidente di Fondazione CRC, Ezio Raviola – Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione di Fondazione CRC, Andrea Silvestri – Direttore Generale di Fondazione CRC, Luigi Barbero – Presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Mauro Bernardi – Presidente dell’ATL del cuneese, Paolo Biancone – responsabile scientifico del progetto Covidless Approach and Trust.

All’incontro è intervenuta anche Marzia Baracchino, Direttrice dell’assessorato alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte che ha sottolineato la portata innovativa dell’iniziativa e riconosciuto la vitalità e la coesione del territorio cuneese. Gli attestati sono stati ritirati da: Biagio Conterno – Vicesindaco del Comune di Bra, Elisabetta Baracco – Vicesindaco del Comune di Frabosa Sottana, Emanuele Bolla – Assessore al Turismo del Comune di Alba, Francesca Neberti – Assessore allo Sviluppo del Comune di Saluzzo, Francesco Cioffi – Vice Presidente dell’Unione Montana Valle Maira, Iole Caramello – Sindaco del Comune di Frabosa Soprana, Nicolò Musso – Consigliere Comunale di Limone Piemonte, Roberto Passone – Presidente dell’Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo

Più informazioni su