Cappella di San Rocco di Busca restaurata nei mesi scorsi grazie alle offerte dei frazionisti foto

Quest’anno, in osservanza delle norme di sicurezza anti Covid 19, la Festa patronale in onore di San Rocco si limiterà alla sola funzione religiosa in programma lunedì 17 agosto. Al termine della funzione sarà benedetto il pane di San Rocco che, confezionato singolarmente, sarà distribuito dai massari.

Busca. E’ stata restaurata nei mesi scorsi la cappella di San Rocco di Busca, lungo la provinciale Via Tarantasca. “Grazie alla generosità dei frazionisti è stato possibile procedere ad una serie di interventi conservativi – spiegano i massari, Bruno Isaia e Fabrizio Devalle e le massare, Graziella Bottero e Maria Teresa Regis, della Cappella di San Rocco – Quest’anno, in osservanza delle norme di sicurezza anti Covid 19, la Festa patronale in onore di San Rocco si limiterà alla sola funzione religiosa in programma lunedì 17 agosto. Al termine della funzione sarà benedetto il pane di San Rocco che, confezionato singolarmente, sarà distribuito dai massari. Per tutta la giornata la Cappella resterà aperta per permettere a chi lo desidera, in modalità contingentata, di vedere i lavori di restauro effettuati in primavera. Ringraziamo il parroco, don Roberto Bruna, per la disponibilità”.

I muri laterali della cappella sono stati scrostati, rivestiti con isolamento antiumidità, intonacati e infine tinteggianti. Un intervento particolare è stato dedicato alla parete di fondo sotto l’altare con la realizzazione di un piccolo rosone che riprende il tema della volta. E’ stato, inoltre, rifatto completamente il pavimento della navata. Infine, sono state sostituite le luci laterali con faretti e strisce a led per una migliore illuminazione degli affreschi della volta. L’antica chiesetta frazionale affonda le sue origini all’indomani della peste del 1630, quando, in seguito ad un voto della comunità al santo, fu riedificata su una cappella già esistente.

Nelle Fotografie: l’interno della cappella, prima e dopo i lavori