Il Buongiorno di Cuneo24

Nel 1662 Luigi XIV adotta come suo simbolo personale il sole: da oggi sarà chiamato anche il Re Sole

Cuneo. Il sole è sorto alle 5:42 e tramonta alle 21:15. Durata del giorno quindici ore e trentatre minuti.

Santi del giorno
San Bonifacio, vescovo e martire.
San Gualtiero, frate ospedaliero.
San Franco, eremita.

Avvenimenti
1662 – Luigi XIV adotta come suo simbolo personale il sole. Da oggi sarà chiamato anche il Re Sole.
1968 – Sirhan Sirhan spara a Robert Kennedy all’Ambassador Hotel di Los Angeles, California. Kennedy morirà il giorno dopo.
1981 – Inizio ufficiale dell’epidemia di AIDS.
2004 – In America va in onda l’ultimo episodio della serie Frieds; si intitola Arrivi e partenze. Lo share è stato a dir poco pazzesco: 43% e un totale di 52,5 milioni di telespettatori.

Nati in questo giorno
Alberto Malesani – Dopo essere stato un calciatore, dall’inizio degli anni Novanta diventa un allenatore. Nel 1999 conquista la Coppa Italia, la Coppa UEFA e la Supercoppa italiana con il Parma, la società dei Tanzi con in rosa Buffon, Cannavaro, Chiesa, Crespo. Siede sulla panchina di Chievo (che ha portato dalla serie C1 alla B), Fiorentina, Panathinaikos, Udinese, Verona, Siena, Bologna e Genoa. Per 19 giorni (dal 5 al 24 febbraio 2013) è il tecnico del Palermo, ma dopo tre pareggi è esonerato, con il ritorno sulla panchina rosanera del tecnico Gasperini, che aveva sostituito. Breve anche la successiva permanenza alla guida del Sassuolo: dal 29 gennaio al 3 marzo 2014, in tempo per collezionare 5 sconfitte in 5 partite. Festeggia 66 anni.
Massimo Cacciari – E’ un politico italiano, ex sindaco di Venezia e filosofo. Attualmente è docente di Pensare filosofico e metafisica presso la Facoltà di Filosofia dell'”Università Vita-Salute San Raffaele” da lui fondata nel 2002 e della quale è prorettore vicario. Conseguita la laurea in Filosofia all’Università di Padova, diventa professore di Estetica all’Istituto di Architettura di Venezia e collabora alla fondazione di alcune riviste di filosofia, molto note dagli anni Sessanta agli anni Ottanta. Ha pubblicato numerosi scritti filosofici ed è stato insignito di due lauree Honoris Causa: in Architettura (conferita dall’Università degli Studi di Genova) e in Scienze politiche (conferita dall’Università di Bucarest). Eletto sindaco di Venezia nel 2005, ha abbandonato la politica attiva dopo la conclusione del suo mandato, nell’aprile del 2010. Nel 2016 pubblica per Il Mulino il saggio Occidente senza utopie, scritto con Paolo Prodi. Compie 76 anni.

Eventi sportivi
1968 – Europei di calcio in Italia. Comincia la fase finale del Campionato europeo di calcio, noto anche come “Euro ’68”, organizzato dall’Italia. Vi partecipano solo quattro squadre. Nel primo incontro a Napoli contro l’URSS, l’Italia si qualifica alla finale solo grazie al sorteggio, con il classico lancio della monetina, perché i tempi regolamentari e i supplementari terminano a reti inviolate e non sono ancora previsti i rigori. Nella finale dell’otto giugno gli azzurri trovano la Jugoslavia, che ha sconfitto l’Inghilterra. Dopo i tempi regolamentari, conclusi sull’ 1-1 (per gli azzurri segna Domenghini), anche nei supplementari le squadre rimangono in parità. Il 10 giugno, pertanto, si ripete la finale e questa volta Zoff e compagni s’impongono per 2 a 0, con reti nel primo tempo di Gigi Riva e Pietro Anastasi. Gli azzurri vincono il titolo di Campioni d’Europa (ancora unica vittoria) e al terzo posto c’è l’Inghilterra.

Proverbio/Citazione
Di giugno levati il cuticugno.
“Gli antichi sapevano molte cose che noi abbiamo dimenticato.” Federico Garcia Lorca