Deceduto Remo Summino, Maestro di Tai Chi

E' stato un precursore della disciplina del Tai Chi Quan, praticata dai monaci shaolin e l'ha insegnata a centinaia di persone. Remo Summino, 72 anni, è morto in seguito a un tumore.

Più informazioni su

Remo Summino, 72 anni, è morto a Boves a causa di un tumore contro il quale lottava da molto tempo.

Era un amante della vita ed era andato alla ricerca dei modi migliori per assaporarla appieno. Così si era avvicinato alla disciplina cinese del Tai Ji Quan, che univa la capacità di meditazione alla difesa personale. Erano gli anni ’70 quando scoprì la disciplina orientale di cui divenne un apprezzato maestro, dopo svariati anni di studio e applicazione, diffondendola poi attraverso i corsi che per anni ha tenuto via via in diverse palestre, a Cuneo e nei dintorni.

Sono stati davvero tantissimi i suoi allievi, persone di tutte le età che si sono avvicinate a un mondo che Remo Summino rendeva facile da comprendere. Non era insolito trovarlo insieme ai suoi allievi nei parchi di Cuneo, intento alla pratica del Tai Chi, con i suoi movimenti lenti e aggraziati, armonici, ma che potevano diventare uno strumento di difesa in un attimo.

La malattia lo ha costretto a rinunciare alla disciplina che tanto ha amato. La morte di Remo Summino, che lascia la moglie Maria Rosa Martini, i figli Anna Lisa, Gian Paolo e Giuliano ha suscitato grande cordoglio nel mondo dello sport della Granda, dove era molto noto, e anche nelle tantissime persone che lo hanno conosciuto quando svolgeva la sua attività di informatore scientifico del farmaco.

L’ultimo saluto a Remo Summino si è tenuto questa mattina presso il Tempio crematorio di Magliano Alpi.

(fotografia dal profilo Facebook di Remo Summino)

 

Più informazioni su