Il cuneese Mario Frandino Cavaliere del Lavoro

Prestigioso riconoscimento conferito oggi dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha insignito dell'onorificenza di Cavaliere del Lavoro Mario Frandino, amministratore delegato di Sedamyl Spa

Il Cavalierato del Lavoro è un’onorificenza istituita nel 1901 ed è il riconoscimento per chi ha operato nel proprio settore in via continuativa e per almeno vent’anni “con autonoma responsabilità, contribuendo in modo rilevante attraverso, l’attività d’impresa, alla crescita economica, allo sviluppo sociale e all’innovazione del Paese”.

Oggi il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, su proposta del ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e in accordo con la ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, ha nominato 25 nuovi Cavalieri dei quali 3 sono piemontesi e uno, in particolare, è cuneese. Si tratta di Mario Frandino, saluzzese classe 1943, amministratore delegato di Sedamyl Spa, leader in Italia nella trasformazione di frumento per la produzione di amido e derivati, glutine e alcool con due sedi produttive in provincia di Cuneo e un sito di distribuzione. L’azienda occupa 165 dipendenti con un export del 50%. Nel 1993 Frandino ha costituito Etea Srl, di cui è presidente, ora presente anche in Francia, Regno Unito, Albania, Romania, Serbia e Bosnia con 17 impianti di produzione e siti di stoccaggio e un export del 90%. Occupa 340 dipendenti.

La Sedamyl, azienda di famiglia di Mario Frandino, è partita dall’essere una piccola distilleria di frutta a produzione stagionale a cui si era aggiunta la distillazione di cereali fino ad arrivare al suo ruolo attuale di leader italiano nella trasformazione di frumento per la produzione di amido e derivati, glutine e alcool. Etea Srl è nata dall’esperienza di autoproduzione di energia elettrica dalla trasformazione del grano.