Il coronavirus ferma anche la Stracôni

In questo momento non è possibile pensare alla realizzazione di un evento di simile portata

Cuneo. L’edizione numero 38 della Stracôni si rimanda al 2021.

In questo momento non è possibile pensare alla realizzazione di un evento di simile portata, l’ultima edizione ha raggiunto 21.000 iscritti.

La scelta del comitato organizzatore è stata presa con consapevolezza. Anche perché l’organizzazione della Stracôni inizia a gennaio. Così anche quest’anno la macchina organizzativa si era già messa al lavoro contattando sponsor ed aziende che permettono la realizzazione della manifestazione tanto cara alla Granda.

Con l’emergenza coronavirus si è bloccato tutto, di conseguenza la decisione e quindi l’appuntamento rimandato al 2021, dal 12 al 18 novembre.