4 milioni per il “Dopo di noi”

Le risorse saranno distribuite ai territori in base alla quota di popolazione nella fascia d’età 18-64 anni - rende noto l’assessore alle Politiche sociali, Chiara Caucino

Deliberati dalla Giunta regionale il nuovo programma attuativo e i criteri di riparto agli Enti gestori dei servizi socio-assistenziali piemontesi dei 4 milioni di euro provenienti dal Fondo per l’assistenza delle persone con disabilità grave prive di sostegno famigliare ai sensi della legge n.112 del 2016, denominata “Dopo di noi”.

“Le risorse saranno distribuite ai territori in base alla quota di popolazione nella fascia d’età 18-64 anni – rende noto l’assessore alle Politiche sociali, Chiara Caucino – La legge stabilisce le misure di assistenza e cura dei disabili gravi senza genitori o che non possano ricevere un adeguato sostegno dalla propria famiglia, anche in vista della presa in carico progressiva della persona già durante l’esistenza in vita dei genitori”.

“Intervenire a favore di chi affronta quotidianamente una grave disabilità, a cui sia venuta meno una rete sociale fondamentale come quella famigliare o che debba effettuare un percorso che porterà alla presa in carico da parte dei servizi, è molto importante – precisa Caucino – Il sistema del welfare pubblico deve avere grande attenzione verso quei soggetti fragili che necessitano di essere accompagnati e sostenuti nel corso della loro esistenza. Queste risorse vanno proprio in tale direzione”.