Sicurezza strade. Approvate le convenzioni per 60 milioni di lavori in Piemonte

 Pronti i fondi per la SS34 e per la messa in sicurezza delle strade comunali e provinciali

È positivo l’ultimo passaggio burocratico per il trasferimento alla Regione Piemonte dei fondi ministeriali destinati alla messa in sicurezza delle strade piemontesi. È infatti notizia di questi giorni la registrazione alla Corte dei Conti e al Ministero Economia e Finanza di due convenzionitra Regione e Ministero delle Infrastrutture per un totale di 60 milioni di euro, di cui 35 milioni per la messa in sicurezza delle strade comunali e provinciali e 25 milioni per l’intervento sulla SS 34 del Lago Maggiore atteso da anni, con finanziamento del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020

«In un periodo in cui l’Italia ha rallentato tutte le attività per l’epidemia – sottolinea l’assessore regionale ai Trasporti e Opere Pubbliche Marco Gabusi – siamo riusciti comunque a lavorare con gli uffici centrali e locali affinché non si vanificassero i progressi fatti negli scorsi mesi sul fronte dello sblocco fondi per la messa in sicurezza del sistema stradale piemontese. A questo punto le risorse sono in dirittura d’arrivo e presto disporremo della prima quota del 10% per iniziare i lavori».

35 milioni sono infatti destinati ad un ampio piano di interventi di manutenzione strade comunali e provinciali, che prevede la messa in sicurezza del patrimonio infrastrutturale esistente secondo quanto disposto dal Piano Operativo Infrastrutture. Si tratta di 86 interventi in totale, di cui 13 nell’Alessandrino per un importo di quasi 6 milioni di euro, 10 nell’Astigiano per oltre 3 milioni, 7 nel Biellese per oltre 2,5 milioni, 24 nel Cuneese per più di 8 milioni, 11 nel Novarese per quasi 2 milioni, 14 nel Torinese per 8 milioni, 4 nel Verbano e 3 nel Vercellese entrambi per più di 2,6 milioni ciascuno.

«Possiamo con queste somme – specifica l’Assessore Gabusi – dare risoluzione a criticità strutturali anche di lunga data, con particolare riferimento alla vetustà delle strade e delle infrastrutture, migliorare le condizioni di sicurezza della rete e ridurre così il rischio di incidenti, oltre, ad avviare cantieri importanti per ridare ossigeno all’economica locale e del settore». 

25 milioni sono inoltre destinati ai lavori sulla SS 34 del Lago Maggiore e consentiranno di mettere in sicurezza i versanti della strada percorsa soprattutto dai frontalieri tra Italia e Svizzera. «Come Regione – spiega l’Assessore Gabusi – abbiamo lavorato fin dai primi giorni di mandato per migliorare la mobilità e mitigare i disagi su questa strada. Abbiamo ottenuto un risultato importante grazie anche allo spirito di collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, che ci ha permesso di evitare la sovrapposizione procedurale e temporale degli interventi e i conseguenti impedimenti alla circolazione. Ci siamo seduti al tavolo con i rappresentanti del territorio, individuando nel Comune di Verbania il soggetto sub attuatore degli interventi, con la disponibilità dell’ANAS per gli interventi previsti nel Piano FSC Fondi Sviluppo e Coesione di consolidamento dei versanti».