“Merenda in maschera” con Fablab e Confartigianato Cuneo

Tenere occupati i bambini che devono restare a casa durante questa emergenza è uno dei problemi principali delle famiglie che però possono contare su diverse iniziative ad esempio il progetto "Merenda in maschera"

Uno dei problemi principali della famiglie, in questo lungo periodo di isolamento domiciliare, è la gestione del tempo libero dei bambini, solitamente impegnati con la scuola o con altre attività, tutte azzerate dall’emergenza coronavirus. Tenere a freno l’ansia correlata alla situazione e cercare di impiegare in modo utile il tempo diventa quindi molto importante e per fortuna sono nate diverse iniziative che vengono in aiuto delle famiglie.

Per esempio quella di Fablab, il laboratorio di fabbricazione digitale, “incubato” da Confartigianato Imprese Cuneo e aderente al circuito ufficiale della prestigiosa università MIT di Boston, con il progetto “Merenda in maschera” visibile sul canale Youtube. Si tratta di una serie di appuntamenti, creati e registrati dagli stessi associati del laboratorio, durante i quali si invitano i piccoli a seguire un semplice tutorial con il supporto di materiali facilmente reperibili in casa, tenendoli così occupati nel realizzare idee creative che richiedono costruzione, colore e disegno.

“Da quando è iniziato il lockdown – spiega Alessandro Marcon, presidente di Fablab – nel nostro
laboratorio abbiamo cominciato a riflettere su come potessimo essere utili alla comunità. Siamo
partiti con la costruzione di visiere protettive che sono poi state distribuite alla Protezione Civile di
Cuneo e Valgrana e alle Case di Riposo di Valdieri e Caramagna. Inoltre, sull’esperienza dei
laboratori tecnologici per gli studenti delle elementari e delle medie, già avviati con successo lo
scorso anno in collaborazione con Confartigianato Cuneo, abbiamo pensato di creare un format di
intrattenimento per i bambini fino ai dieci anni, che fosse strettamente legato alla manualità, e di
diffonderlo sul nostro canale Youtube. Devo dire che l’idea nata collegialmente all’interno del
Fablab ha riscosso grande disponibilità da parte di tutti i nostri associati a lavorare sul progetto.
Abbiamo già realizzato un primo episodio che riguarda il rendere più divertente l’utilizzo delle
mascherine personalizzandole con decorazioni; stiamo sta ora per lanciare il secondo che riguarda
invece la costruzione di meccanismi per mettere in moto una scultura di carta attraverso una
semplice manovella”.

“Il FABLAB rappresenta un valido esempio di quanto la nostra Associazione presti attenzione
all’innovazione tecnologica
. – sottolinea Luca Crosetto, presidente di Confartigianato Imprese
Cuneo – È una strada obbligata per valorizzare l’artigianato di qualità, in un’ottica dinamica e
competitiva. Dopo questa crisi epocale, bisognerà riaccendere i motori produttivi e le nuove
tecnologie avranno un ruolo determinante nel disegnare il futuro del nostro comparto. Ma
tecnologia non vuol dire spegnere la creatività artigiana che ci contraddistingue. Ne sono
testimonianza le iniziative didattiche che il Fablab sta programmando, innovative e calibrate sulle
necessità del difficile momento”.

Gli episodi di “Merenda in maschera” sono visibili sul canale Youtube:
https://www.youtube.com/channel/UC39wp37W4Hc1F0GlD2CivZQ