Il Buongiorno di Cuneo24

Happy B-Day alla First Lady Melania Trump per i suoi primi 50 anni

Cuneo. Il sole è sorto alle 6:23 e tramonta alle 20:32. Durata del giorno quattordici ore e nove minuti.

Santi del giorno
San Marcellino, papa.
San Cleto, Anacleto, papa.
San Basileo di Amasea, vescovo.

Avvenimenti
1848 – Liverpool, i due naturalisti Alfred Russel Wallace ed Henry Walter Bates partono per l’esplorazione dell’Amazzonia.
1933 – Viene istituita la Gestapo, la polizia segreta ufficiale del regime nazista.
1937 – Guerra civile spagnola: Bombardamento di Guernica.
1942 – Manciuria: nell’esplosione in una miniera rimangono uccisi oltre 1.500 lavoratori.

Nati in questo giorno
Melania Trump – Lavora come modella dall’età di 16 anni e appare sulle copertine delle più importanti riviste di moda mondiali, da “Vogue” a Vanity Fair”. A 26 anni si trasferisce a New York; qui nel 1998 incontra per la prima volta l’imprenditore Donald Trump. I due si sposano il 22 gennaio 2005 a Palm Beach, in Florida, con un ricevimento nella sala da ballo nella tenuta Mar-A-Lago a cui partecipano anche i coniugi Clinton. Nel 2006 nasce il figlio della coppia, Barron William. Nel gennaio del 2017, con l’insediamento di The Donald alla Casa Bianca, diventa ufficialmente la first lady degli Stati Uniti, ruolo che ricopre partecipando a iniziative filantropiche e di beneficenza. Particolare il suo interesse nei confronti della questione della separazione delle famiglie di migranti irregolari, decisa dall’amministrazione.
Parla correntemente cinque lingue: sloveno, inglese, francese, serbo e tedesco. Compie 50 anni.
Nino Benvenuti – È un ex pugile italiano ed è considerato tra i migliori pugili di tutti i tempi. Giovanni Benvenuti è stato campione olimpico nel 1960 nei pesi welter e campione mondiale dei Pesi medi tra il 1967 e il 1970. Campione europeo nei pesi superwelter nel 1957 e 1959, dopo aver appeso i guantoni ha commentato incontri di pugilato. Festeggia 82 anni.

Eventi sportivi
1998 – C’è una partita che il calcio italiano ricorda, ma non per qualcosa di indimenticabile, bensì per tutta una scia di polemiche che tutt’ora – dopo vent’anni – si porta dietro. E’ il famoso Juve-Inter del rigore non fischiato a Ronaldo e di quello nell’azione successiva fischiato ad Inzaghi, che mandò su tutte le furie il tecnico nerazzurro Gigi Simoni. La posta in palio di quella partita era abbastanza alta, mancavano tre giornate alla fine e le due squadre erano divise da un solo punto in classifica in favore dei bianconeri. Nel secondo tempo, sul risultato di vantaggio per la squadra torinese, non viene fischiato un calcio di rigore nei confronti del fenomeno brasiliano per un fallo di Iuliano. Nell’azione successiva, West atterra Inzaghi e Ceccherini indica il dischetto. Del Piero fallisce il penalty, ma la Juve porta a casa la vittoria e lo Scudetto qualche settimana dopo.

Proverbio/Citazione
Aprile, rondini intorno al campanile.
“Sono una mamma a tempo pieno. Questo è il mio primo lavoro. Il lavoro più importante di sempre.” Melania Trump