Quantcast

Riunione del tavolo tecnico al lavoro sulla Ciclovia della Valle Varaita

Lo scorso mercoledì 4 marzo si è tenuta a Venasca una riunione nella quale sono stati esaminati gli interventi da realizzare per poter sviluppare, lotto per lotto, l’itinerario della ciclovia.

Mercoledì 4 marzo si è riunito il tavolo tecnico individuato dall’Unione Montana Valle Varaita per lavorare al progetto relativo alla Ciclovia della Valle Varaita, un percorso che percorre l’intera valle per un totale di circa 63km, sfruttando il più possibile la viabilità secondaria esistente a bassa intensità di traffico, strade bianche e percorsi pedonali e ciclabili già esistenti.

La riunione, che si è svolta nei locali del Comune di Venasca, ha visto la partecipazione di diverse associazioni locali e numerosi amministratori del territorio, tra i quali il Presidente dell’Unione Montana Valle Varaita, Silvano Dovetta.

«Il progetto della ciclovia di valle – sottolinea Dovetta – è senza dubbio uno dei più interessanti e concreti interventi di sviluppo turistico territoriale in corso di attuazione nella nostra valle: sono molto soddisfatto di avere riscontrato nel corso della riunione l’unanimità degli amministratori  presenti in favore di quanto finora realizzato e di quanto è stato stabilito. Questa iniziativa integra aspetti di valorizzazione turistica e interessi dei residenti sul territorio: è bene chiarire che non si tratterà di una pista ciclabile ma di un percorso sicuro e lontano dalla principale direttrice del traffico veicolare». 

Proprio in ragione di questo diffuso interesse locale, la ciclovia sarà presentata dall’Unione Montana Valle Varaita come “progetto di valle” alla Regione Piemonte, che ha invitato i vari comparti territoriali a candidare un intervento, sul quale esista un’ampia e diffusa convergenza, all’accesso a fondi di finanziamento regionali. L’auspicio è che prossimamente la Regione Piemonte possa valutare, tra i progetti che saranno stati presentati, le possibilità di finanziamento.

Nel corso della riunione è stato fatto il punto della situazione sul progetto e sono stati esaminati gli interventi da realizzare per poter sviluppare, lotto per lotto, l’itinerario della ciclovia. Nell’analisi effettuata sono state puntualizzate le criticità sul percorso individuato, sulle quali si dovrà intervenire mediante la realizzazione di attraversamenti, messa in sicurezza di strade secondarie o allestimento di passerelle per superare ostacoli naturali o altri elementi che rendono attualmente impossibile il transito.

«Ora passeremo senza indugi allo studio del progetto attuativo – conclude il Presidente dell’Unione Montana Valle Varaita, Silvano Dovetta –, che ci consentirà di capire nel dettaglio l’ammontare delle somme necessarie per portare a compimento questo grande intervento».

Lo studio del progetto attuativo è stato affidato alla Seacoop di Torino, che ha seguito fin dall’inizio l’iter progettuale della ciclovia.

Inserita lo scorso anno tra i ventidue itinerari approvati dalla Regione Piemonte nel “Progetto di Rete ciclabile di interesse regionale”, la Ciclovia della Valle Varaita prevede nove tappe, di cui una con due varianti: ogni tappa raggiunge il concentrico dei paesi, per consentire ai turisti di usufruire delle attività commerciali e della ricettività locale.

LE TAPPE DELLA CICLOVIA DELLA VALLE VARAITA

1 Busca – Costigliole Saluzzo (8,7km)

2 Costigliole Saluzzo – Verzuolo – Piasco – Rossana (7,6km)

3 Rossana – Venasca – Brossasco (4,7km)

4 Brossasco – Melle (6,2km)

5 Melle – Frassino (5,1km)

6 Frassino – Rore, fraz. Sampeyre (5,2km)

7 Rore, fraz. Sampeyre – Sampeyre (5,7km)

8 Sampeyre – Casteldelfino (7,9km)

9A – Casteldelfino – Bellino (4,2km)

9B – Casteldelfino – Pontechianale (7,1km)