La donazione dei commercianti peveragnesi a Croce Rossa e casa di riposo comunale

"In questo momento così difficile per il commercio nel quale molte attività hanno dovuto chiudere per un problema che ci accomuna tutti, desideriamo ringraziare chi continua a sostenerci"

Più informazioni su

Anche i commercianti peveragnesi, riuniti sotto la sigla Pevecomm, scendono in campo per fornire il loro prezioso contributo alla lotta contro il coronavirus. Lo fanno devolvendo una parte del ricavato della loro iniziativa “Un centesimo per il futuro” (ogni dieci euro spesi presso un esercizio aderente viene accantonato un centesimo a favore di strutture del paese) nonchè attraverso alcune spontanee donazioni di aziende e privati cittadini che desiderano restare nell’anonimato.

“Mai come ora – commenta Daniele Garelli, presidente di Pevecomm – un’iniziativa come ‘Un centesimo per il futuro’ trova una sua indicazione più appropriata ed è per questo motivo che non abbiamo avuto alcuna esitazione a donare immediatamente ciò che era nelle nostre possibilità a due importanti realtà peveragnesi come la Croce Rossa e la casa di riposo ‘Don Giacomo Peirone'”.

Nello specifico sono stati consegnati 60 mascherine lavabili, 100 kimono monouso e 10 scatole da 100 guanti in lattice alla casa di riposo, mentre alla Croce Rossa sono state donate 170 maschereine lavabili.

“In questo momento così difficile per il commercio – conclude Garelli – nel quale molte attività hanno dovuto chiudere per un problema che ci accomuna tutti, desideriamo ringraziare chi continua a sostenersci e chi, quando tutto sarà finito, non ci abbandonerà, con la speranza di ripartire più forti di prima, più uniti, per continuare a far vivere il nostro paese, facendo la spesa, donando vita e serenità per le strade di Peveragno e non solo”.

Più informazioni su