Quantcast

In Valle Varaita targhe informative che spiegano limitazioni su raccolta funghi

L’Unione Montana Valle Varaita ha realizzato una serie di targhe in cui si precisano alcune limitazioni alla raccolta dei funghi. Le targhe, stampate su materiale idoneo al posizionamento in esterni, verranno consegnate ai comuni del territorio che le distribuiranno gratuitamente ai proprietari dei terreni con le caratteristiche descritte nei divieti.

L’Unione Montana Valle Varaita ha realizzato una serie di targhe in cui si precisano alcune limitazioni alla raccolta dei funghi, in osservanza della Legge regionale 17 dicembre 2007 n. 24 in materia di “Tutela dei funghi epigei spontanei”.

In particolare, le targhe ricordano che la raccolta “è vietata nei castagneti coltivati per la raccolta del frutto, pascolati o falciati e tenuti regolarmente sgombri da cespugli invadenti, nei giardini e nei terreni di pertinenza degli immobili ad uso abitativo adiacenti agli immobili medesimi, nei terreni sui quali sia vietato l’accesso ai sensi dell’articolo 841 del codice civile”.

«Il territorio della valle Varaita, ricco di boschi di conifere e di latifoglie, è un contesto ideale per la crescita spontanea dei funghi – sottolinea il Presidente dell’Unione Montana Valle Varaita, Silvano Dovetta –. La raccolta è una tradizione antica e sono tanti i residenti in valle, e non soltanto, che la effettuano come hobby o come attività professionale. Realizzando queste targhe abbiamo inteso informare in modo più chiaro chi frequenta i nostri boschi per la raccolta dei funghi, e allo stesso tempo tutelare i proprietari dei terreni nei quali la raccolta è vietata, in un’ottica di informazione e di rispetto di entrambe le parti in causa».

«La raccolta dei funghi spontanei – precisa il Vicepresidente dell’Unione Montana Valle Varaita, Giovanni Fina – è normata precisamente dalla Regione Piemonte sotto numerosi aspetti, tra i quali quello legato ai quantitativi e agli orari in cui è consentita. Grazie alle targhe che abbiamo realizzato sarà più semplice per chi è impegnato nella raccolta accorgersi di limiti territoriali che talvolta, nella maggior parte dei casi per semplice disattenzione, sono stati superati».

Le targhe, stampate su materiale idoneo al posizionamento in esterni, verranno distribuite gratuitamente ai proprietari dei terreni con le caratteristiche descritte nei divieti.

In occasione dell’ultima giunta dell’Ente, che si è svolta martedì 25 febbraio a Venasca, numerosi esemplari delle targhe sono già stati consegnati ai rappresentanti comunali presenti alla riunione; ulteriori copie sono a disposizione degli altri comuni del territorio presso la sede dell’Unione Montana a Frassino.

In materia di funghi, si ricorda infine che è necessario il possesso di un titolo valido per il periodo in cui si intende effettuare la raccolta: il titolo può essere ottenuto attraverso il versamento di una cifra di importo progressivo alla durata del titolo stesso.

Da quest’anno l’Unione Montana Valle Varaita ha reso disponibile l’acquisto del titolo anche attraverso il nuovo e pratico servizio pagoPA, accessibile attraverso il sito internet dell’ente. Questa modalità di pagamento si affianca ai versamenti tramite bollettino postale o bonifico bancario, mentre dal 2020 non saranno più disponibili, poiché la Regione Piemonte ne ha sospeso l’erogazione, i ticket giornalieri e settimanali precedentemente acquistabili presso la sede dell’Unione Montana e presso la Porta di Valle (Segnavia) a Brossasco.

Si ricorda infine che la ricevuta del versamento, accompagnata da idoneo documento d’identità, deve essere esibita a richiesta del personale addetto alla vigilanza.