Quantcast

Reunion dei Ricchi e Poveri a #Sanremo2020: «Siamo partiti in quattro e dobbiamo finire in quattro»

Il gruppo ripercorre anche i motivi che hanno visto l'abbandono di Marina Occhiena nel 1981: «Non è mai stata cacciata, ma è andata via spontaneamente, non ha rubato l'uomo a nessuno»

Sanremo. A cinquant’anni dalla prima partecipazione al Festival di Sanremo e dal successo de “La prima cosa bella”, Marina OcchienaFranco GattiAngela Brambati e Angelo Sotgiu, conosciuti come i Ricchi e Poveri, hanno scelto proprio il palco dell’Ariston, che ha visto esplodere la loro carriera, per ricominciare da dove si erano lasciati e vivere uniti una nuova avventura.

«É una gioia ritrovarci insieme, è stata una grande emozione», ha dichiarato la “brunetta” del gruppo. «Quando abbiamo iniziato eravamo ragazzetti un po’ sgangherati, ci univa la musica e soprattutto una grande amicizia – ha affermato Franco – , c’è stato qualche inciampo nella nostra vita, cose che succedono, ma siccome siamo sempre stati inguaribili romantici ho sempre pensato che siamo partiti in quattro e dobbiamo finire in quattro, non c’è niente da fare, siamo una famiglia».

«Volevamo riunirci, stare insieme e fare un disco, poi è nata l’idea di partecipare a Sanremo, ma non era nelle nostre previsioni. Non sappiamo quello che faremo, sarà quel che sarà», scherzano intonando uno dei loro brani più celebri.