Indagini geologiche e geognostiche sulla frana di Benevello

Intervento della Provincia per procedere alla progettazione dell’intervento di ripristino della viabilità

Più informazioni su

Cuneo. I danni che il maltempo causa alla viabilità provinciale hanno ripercussioni sul territorio per anni perché sono causa di frane e smottamenti che richiedono lunghi e costosi interventi di sistemazione da parte della Provincia. Nell’ambito di tali lavori rientrano le verifiche geologiche e le indagini geognostiche, come nel caso del comune di Benevello.

Qui le intense precipitazioni che hanno colpito soprattutto Langhe e Alto Monferrato cuneese ed astigiano nella seconda metà di marzo 2015 con cumuli totali anche di 200-50 mm di pioggia, hanno creato molti dissesti, con gravi disagi alla viabilità generati dalle frane. Una di queste frane si è sviluppata lungo la strada provinciale 106 alla progressiva km 0+850 nel comune di Benevello. Il dissesto ha coinvolto la scarpata di valle, l’illuminazione pubblica comunale, la banchina stradale e, lesionando per metà la carreggiata, ha costretto il Settore Viabilità della Provincia ad intervenire urgentemente per realizzare interventi provvisori per il ripristino delle condizioni minime di sicurezza.

In questi giorni, allo scopo di definire le caratteristiche del sottosuolo, lo stato di potenziale evoluzione della frana e soprattutto per ottenere i dati necessari per le varie fasi di progettazione, il Settore Viabilità (Ufficio Geologia) sta svolgendo le indagini geognostiche mediante carotaggi e geofisica. I punti di perforazione sono stati scelti in funzione delle caratteristiche della frana, valutando anche preventivamente la posizione dei sottoservizi presenti (luce, gas ecc..) per non causare interruzioni o danni. Tali indagini serviranno come base per le progettazioni e gli studi a livello di progetto definitivo ed esecutivo, che porteranno al ripristino della piena funzionalità della strada provinciale.

Più informazioni su