Quantcast

Alba, nuovo regolamento dehors per bar e ristoranti

Preziosa collaborazione tra l’Associazione Commercianti Albesi con l’Amministrazione comunale per rendere la città sempre più accogliente

Alba. Martedì 11 febbraio presso l’Associazione Commercianti Albesi si è tenuto un partecipato incontro tra i titolari dei pubblici esercizi di Alba e l’Amministrazione Comunale, alla presenza dell’assessore al Commercio, all’Ambiente, alla Polizia Municipale e alla Sicurezza Marco Marcarino.

All’ordine del giorno il nuovo regolamento comunale dei dehors approvato dall’Amministrazione, il punto della situazione su pulizia e decoro urbano, un richiamo alle disposizioni di legge inerenti la sicurezza sul lavoro nei pubblici esercizi e il rinnovo delle rappresentanze.

Nel corso dell’incontro sono state esaminate le problematiche salienti che riguardano una categoria impegnata tutto l’anno opera nel rendere viva e animata la città, pur confrontandosi con le numerose difficoltà di una tassazione elevata, di una concorrenza a volte sleale, ma che sa e deve mantenersi al passo coi tempi, offrendo un servizio altamente qualificato e professionale.

L’assessore Marcarino ha illustrato il nuovo regolamento comunale che ha prolungato il periodo di allestimento dei dehors da 250 a 300 giorni l’anno, e che ha esteso a tutta la città le linee guida anche estetiche alle quali gli esercizi pubblici dovranno attenersi per la predisposizione di tavolini e sedie all’esterno dei locali nella bella stagione. Un richiamo è stato fatto anche alle insegne e alla cartellonistica pubblicitaria consentite dalla normativa, al fine di uniformare e disciplinare l’identificazione delle attività e la comunicazione turistica, abbellendo le vie con indicazioni omogenee ed eliminando la cartellonistica direzionale utilizzando esclusivamente il sistema delle preinsegne. Le attività e l’Amministrazione comunale hanno, inoltre, concordato sulla necessità di incrementare i controlli per il rispetto delle regole, sia per quanto riguarda la pulizia, sia per la sicurezza diurna e serale.

Per le categorie di bar e ristoranti sono stati creati due gruppi di lavoro che, in collaborazione e con il supporto dell’A.C.A., avranno il compito di raccogliere e promuovere le istanze e le problematiche del settore per poterle condividere e affrontare con l’Amministrazione comunale. Per i bar è stata nominata responsabile Mariuccia Assola dell’Hemingway Cocktail Restaurant, affiancata da Sara Randazzo del Caffè Savona ed Erika Ricca de Il Baccanale. Per i ristoranti, responsabile di categoria è stata nominata Marisa Gallina del Cortiletto d’Alba, coadiuvata da Massimo Salsano dell’Enosfizioteca Conte Rosso e Alessandro Boglione della Gastronomia Urbana.

«Siamo felici di rappresentare la categoria dei bar e dei ristoranti albesi, che offrono un servizio di qualità in linea con un territorio in costante crescita turistica – hanno dichiarato le responsabili dei bar e dei ristoranti, Mariuccia Assola e Marisa Gallina -. Ringraziamo l’Amministrazione comunale per la disponibilità ad accogliere le nostre indicazioni, frutto dell’attività che svolgiamo ogni giorno a stretto contatto con il pubblico, per operare di concerto nel comune obiettivo di valorizzare e sviluppare un’offerta che distingue Alba ed il territorio nel mondo».

«Bar e ristoranti sono un punto di riferimento per l’accoglienza che il nostro territorio riserva ai cittadini e ai turisti – ha dichiarato il direttore dell’Associazione Commercianti Albesi, Fabrizio Pace -. A loro, che spesso costituiscono un vero e proprio avamposto nei confronti dei visitatori, vanno il nostro sostegno e la disponibilità nell’affrontare le sfide di ogni giorno, rispettando le regole e presentando al pubblico una città sempre più gradevole e vivibile».

«Con il nuovo regolamento dei dehors abbiamo compiuto un passo importante affinché una categoria fondamentale nell’economia turistica albese possa svolgere con maggiore professionalità il proprio lavoro – ha commentato l’assessore al Commercio, Marco Marcarino -. Siamo soddisfatti del primo traguardo raggiunto e disponibili ad accogliere le istanze degli operatori, ogni qualvolta il gruppo di lavoro costituito lo riterrà necessario».