Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Settimana breve sia alle Medie di Busca

Dall'anno scolastico 2020/21 sui banchi dal lunedì al venerdì

Busca. Se n’è tanto sentito parlare e discusso in merito: settimana breve sì o settimana breve no anche alle scuole Medie?

Proprio nella settimana appena conclusa le famiglie degli alunni che frequentano le scuole buschesi, plessi frazionali compresi, hanno ricevuto l’invito a scegliere in merito.

Come spiegava il dirigente scolastico Martini nella lettera inviata alle famiglie “Numerose sono state in questi anni ed anche di recente le richieste di valutare la chiusura della scuola il sabato. Il Collegio Docenti, dopo un attento confronto, ha espresso opinione favorevole, elaborando una proposta oraria che potesse far convergere positivamente una didattica efficace ed un’organizzazione rispettosa dei tempi, dei modi e della pluralità della vita scolastica.
L’ipotesi elaborata dai Docenti nasce dal desiderio di mantenere l’attuale proposta formativa (tempo prolungato, corso ordinario, corso ad indirizzo musicale) e di ampliare le possibilità di una didattica più efficace e con maggiori opportunità per i ragazzi. La proposta è stata sottoposta all’attenzione del Consiglio, il quale ha espresso un parere positivo, ritenendo questa ipotesi valevole sotto più punti di vista. Accanto alla valenza didattica dell’organizzazione proposta, il Consiglio ha ritenuto importante garantire ai nostri figlie alunni un maggior tempo di riposo e di svago, per permettere loro di recuperare le energie e affrontare meglio l’impegnativa settimana scolastica, ponendo anche attenzione al carico di compiti di assegnare nel fine settimana. In secondo luogo si è considerato fondamentale permettere alle famiglie di avere un tempo maggiore da dedicare ai propri figli in attività di vita comune per rafforzare i legami familiari che nascono inevitabilmente dalla condivisione di momenti di cura reciproca. Infine tale organizzazione permetterebbe alla scuola di ottimizzare le risorse di personale e reimpiegarlo in attività di supporto e rinforzo sia nella didattica sia in degli aspetti organizzativi e gestionali.

Indicativamente resteranno tre i corsi tra cui poter scegliere:

1 – Corso ordinario (30 moduli di lezione settimanali): dal lunedì al venerdì, dalle ore 7.50 alle ore 13.20. A queste giornate, si aggiungono due settimane di pomeriggi in corso d’anno per recuperi, approfondimenti, laboratori specialistici (es.robotica, fisica, latino, scienze..). I ragazzi, durante le due settimane, potranno consumare a scuola il pasto, vigilati dai docenti.

2 – Corso prolungato (34 moduli di lezione settimanali + mensa): dal lunedì al venerdì dalle 7.50 alle 13.20 più due rientri pomeridiani come già avviene, il giovedì e il martedì. Come per il corso normale, durante due settimane in corso d’anno si aggiungeranno i pomeriggi di laboratorio specialistico, recupero, ecc.

3 – Corso ordinario ad indirizzo musicale (32 moduli di lezione settimanale + strumento): dal lunedì al venerdì dalle 7.50 alle 13.20 più il rientro pomeridiano del martedì e le lezioni individuali di strumento. A queste ore di aggiungono le due settimane di laboratorio pomeridiano che saranno compensate in parte dalle attività di orchestra e di concertistica specifica dell’indirizzo.

In tutti i corsi ci sarà la possibilità di avere ore di compresenza per migliorare la qualità dell’insegnamento.

Più dell’80% della famiglie ha scelto per la settimana breve, tutti i dettagli sono ancora da definire. La certezza ad oggi è che dal prossimo anno scolastico 2020/21 la scuola media Carducci il sabato resterà chiusa.

Foto di repertorio