Quantcast

Peveragno, il sostegno del Comune al Soccorso Alpino e Speleologico foto

"Per noi è un onore poter sostenere in modo concreto il loro operato anche perchè quando abbiamo bisogno di interventi per il nostro territorio, loro sono sempre presenti"

Peveragno. Nella mattinata di oggi (sabato 11 gennaio) la Sala Consigliare del Municipio ha ospitato la consegna ufficiale di dispositivi e attrezzature alla Stazione Valle Pesio del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese (SASP). Erano presenti per il SASP Costanzo Nallino, capostazione, Piero Macagno vicecapostazione e tecnico, Luigi Ghezzo medico della stazione, Umberto Lipreri, operatore, e Pino Giostra, membro del Consiglio Nazionale.

“Materiali quali imbraghi, radio e sistemi di ancoraggio  – riferisce l’amministrazione comunale – che sono stati acquistati grazie ad uno stanziamento del Comune di Peveragno, secondo la segnalazione pervenutaci dai responsabili locali del SASP, e che sostituiranno attrezzature ormai superate e rinforzeranno la dotazione tecnica del gruppo. Per noi è un onore poter sostenere in modo concreto l’operato del Soccorso Alpino e Speleologico. Anche perchè quando abbiamo bisogno di interventi per il nostro territorio, loro sono sempre presenti. E con lo stesso orgoglio, annunciamo che verso fine anno è stato possibile mandare in pagamento circa 35.000 Euro di contributi per tante associazioni ed enti che operano nel mondo del volontariato, dello sport, della cultura, e della protezione civile e in generale per lo sviluppo e la sicurezza del territorio. Segnaliamo fra questi i 10.000 Euro per la Delegazione di Peveragno della Croce Rossa Italiana, destinati a coprire metà della spesa complessiva necessaria per riparare un’autoambulanza danneggiata nell’estate a seguito di un incidente, così come segnaliamo gli oltre 6.000 Euro complessivi destinati per attrezzature e materiali per Protezione Civile e Anti Incendi Boschivi. Grazie ai nostri volontari il nostro territorio è più sicuro ed è più vivibile, ed è giusto e doveroso sostenere il loro operato”.