Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo Segretario Generale in Comune a Borgo San Dalmazzo

Il dottor Giuseppe Francesco Tocci ha sostituito il precedente funzionario, Piero Rossaro, che è andato in pensione. Il benvenuto del sindaco Gian Paolo Beretta

Borgo San Dalmazzo. Dopo il raggiungimento della pensione da parte del dottor Piero Rossaro, il sindaco di Borgo San Dalmazzo, Gian Paolo Beretta, ha nominato il nuovo Segretario Generale nella persona del dottor Giuseppe Francesco Tocci, che si è insediato al vertice dell’apparato amministrativo il 13 novembre.

Giuseppe Francesco Tocci è Segretario Generale di fascia A, cioè idoneo a sedi di Segreteria Generale per gli enti con popolazione superiore a 65.000 abitanti, comuni capoluogo di provincia e di province, e proviene dalla segreteria convenzionata dei Comuni di Racconigi, Genola e Salmour. Nel recente periodo ha anche esercitato le funzioni di Segretario dell’Unione dei Comuni del Fossanese, Segretario della “Associazione Ambito Cuneese Ambiente” (ATO rifiuti Cuneo) e di Segretario della IPAB “Opera Pia PEYRONE” di Morozzo.

Laureato in giurisprudenza, ha iniziato la sua carriera con la professione di Procuratore Legale presso il Foro di Castrovillari e con l’esercizio delle funzioni di Sostituto Procuratore Onorario presso la Procura della Repubblica presso la Pretura Circondariale di Castrovillari. Ha conseguito l’idoneità all’esercizio della professione di Segretario comunale nel 1995.

A nome dell’Amministrazione comunale e della Cittadinanza intera porgo il più cordiale benvenuto al nuovo Segretario comunale – ha dichiarato il Sindaco Gian Paolo Beretta – con il quale sono certo si instaurerà un proficuo e cordiale clima collaborativo. Colgo l’occasione per salutare e ringraziare il Segretario uscente, Piero Rossaro, per l’ottima ed indiscussa professionalità e per il profondo impegno profuso in questi ultimi diciassette anni a servizio della comunità borgarina”.