Quantcast

Serena Pautasso da Manta a Cuochi d’Italia, trasmissione di Tv8 foto

A rappresentare il Piemonte con il vitello tonnato, gli gnocchi della Valvaraita e il flan di peperoni con la bagna cauda

Manta. Serena Pautasso, titolare da 16 anni della gastronomia Cucina Amica di Manta, ha partecipato lo scorso 18 ottobre alla trasmissione di cucina “Cuochi d’Italia “ condotta da Alessandro Borghese in onda su Tv8 alle 19.30.

langa

Il programma televisivo è prodotto da Sky Italia e trasmesso su Tv8 dal novembre 2017. Il format prevede che in ogni puntata due cuochi, rappresentanti di altrettante regioni italiane, si sfidino. A giudicarli gli chef stellati: Gennaro Esposito e Cristiano Tomei.

Serena, rappresentante del Piemonte, era in sfida con il Lazio. La sua partecipazione a Cuochi d’Italia, trasmissione che conosceva appena, è stata casuale. E’ stata la redazione a contattarla su Instagram dove ha un profilo molto attivo della sua gastronomia. In seguito al casting è stata scelta.

Le ricette che ha proposto sono tre piatti forti non solo del Piemonte ma anche della provincia Granda: il vitello tonnato, gli gnocchi della Valvaraita e il flan di peperoni con la bagna cauda. Ciononostante non sono bastati per aggiudicarsi la vittoria della puntata conquistata dal suo sfidante Cristiano Sabatini in arte Bike Chef.

Serena, raggiunta telefonicamente, ha così commentato la sua partecipazione: “E’ stata un’esperienza bellissima e divertentissima. Essere lì è stata la mia vittoria: scambiare battute con Borghese, raccontare della mia attività e della mia famiglia… Contro il collega del Lazio non avrei potuto vincere, lui è davvero un artista eclettico in cucina; io mi occupo principalmente di elaborare idee, il cucinare è un’attività che delego ai miei validissimi collaboratori. E’ stato bello aver conosciuto Borghese, simpatico e alla buona. Mi ha anche aiutata nella preparazione della maionese che in un primo momento non mi era riuscita. Sarà sicuramente un’esperienza che rimarrà nei miei ricordi e che renderò ridondante attraverso i social…”