Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rossana Ursi confermata presidente Federfiori della provincia di Cuneo fotogallery

Lotta all’illegalità ed all’abusivismo i temi di mandato

Cuneo. Lunedì scorso si sono riuniti nella sede di Confcommercio della provincia di Cuneo in Via Avogadro i rappresentanti delle attività di commercio fiori, piante e complementi ad essi collegati delle varie zone della Granda, per procedere al rinnovo delle cariche.

Nel ruolo di presidente provinciale di settore è stata confermata la braidese Rossana Ursi, che avrà come vice la confermata Catia Daniela Milan di Cuneo e Margherita Giubergia di Mondovì; completano il direttivo provinciale Federfiori Mariella Campogrande (zona di Alba), Albina Polito (zona di Bra), Silvia Isvoran (zona di Carrù), Danilo Botta e Carlo Miroglio (zona di Cuneo), Silvia Borgogno (zona di Fossano), Francesca Maina (zona di Savigliano).

“Ringrazio – afferma la presidente Rossana Ursi – le colleghe ed i colleghi per la fiducia. Il Sindacato è giovane, ha dieci anni di vita, ma durante il precedente mandato organizzò importanti dimostrazioni ed interventi floreali nell’ambito di manifestazioni in Provincia”. “Intensificheremo – aggiunge la Ursi – la lotta all’illegalità ed all’abusivismo che nel nostro settore è molto marcato, segnalando alle autorità di controllo eventuali situazioni che necessitassero di controllo adeguato. Lavoriamo per la formazione continua della categoria, proponendo corsi di formazione ed aggiornamento, per garantire alla nostra clientela sempre il massimo del servizio e della professionalità”.

“La nostra organizzazione – interviene Luca Chiapella, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo – saluta con favore il rinnovato Consiglio direttivo provincia di Federfiori, importante categoria in ambito confederale”. “Confcommercio – conclude Chiapella – è al loro fianco per il contrasto nei confronti delle attività illegali che corrodono le buone strutture aziendali degli associati.