Quantcast

Cervere, la cerimonia inaugurale sarà scandita dalla consegna del Porro d’Oro

Sul palcoscenico di piazza San Sebastiano, la cerimonia inaugurale sarà scandita dalla consegna del Porro d’Oro, ancora top secret, e delle targhe dedicate ai Produttori

Cervere. Una grande famiglia di Campanili e di ricette che potremmo definire dal “futuro antico”, perché già storicamente esprimevano importanti innovazioni in campo, e che nel pomeriggio di sabato 9 novembre sfileranno sul palcoscenico inaugurale della quarantesima edizione della Kermesse del Porro Cervere in piazza San Sebastiano.

Sul sito web del Comune è stato pubblicato il programma ufficiale della manifestazione in onore del “Re delle tavole d’autunno”, che lo sarà – anche quest’anno – con riferimento a un’autentica “tavola rotonda” di Sapori gemelli, ognuno dei quali espressione di un territorio forte di ricette e di metodologie colturali che lo hanno “tipizzato” e reso unico. E nella Fiera di Cervere, unico non è a sé stante ma in comunione con le altre Eccellenze, che a Cervere significano – in parallelo al Porro – Cotechino e Salsiccia, quindi zootecnia e opportunità occupazionali e di reddito integrativo per un maggior numero di aziende rurali.

Fra la consegna del Porro d’Oro, il cui destinatario per il 2019 è ancora avvolto nella “suspence” degli organizzatori, e l’assegnazione delle Targhe per il riconoscimento del lavoro dei Produttori, sfileranno allora i rappresentanti delle Città e dei Sapori gemelli in moltissimi casi confermativi di una collaborazione già avviata nel segno di un reciproco successo: Carmagnola con il Peperone, Faule con la Bagnacauda, la vicina Fossano con i Bocconcini d’Oca del Palio, Moretta con la Fonduta, Cavallermaggiore con il Gorgonzola Dop, Argentera con i Cruset, l’Unione montana Valle Stura con l’Agnello Sambucano, Entracque con la Patata, Genola con la Quaquara, Venasca con il Pane e Piozzo con le bollicine di Baladin ormai inseparabili dal Porro come lo scettro dal Re.

“La collaborazione agroalimentare è diventata un fattore di identità e di ulteriore dinamismo della Fiera del Porro Cervere, rappresentando la premessa di ulteriori possibilità e occasioni di dialogo, dal turismo al volontariato sociale passando per le attività istituzionali e promozionali di area vasta – dichiara il Sindaco Corrado Marchisio – Nel 1980, molti noi erano appena bambini, altri ancora non erano nati, e nessuno avrebbe potuto immaginare uno sviluppo così ampio ma che avrà ancora molto da dire e da offrire alle prossime generazioni così come a quelle avvicendatesi finora. Come nella trama di un film il cui finale rimane aperto a molte opzioni, a oggi non tutte prevedibili ma tutte in ogni caso di segno positivo: e, grazie all’amico Davide Sordella, che da Sindaco di Fossano ha consolidato nei 5 anni passati le intese su più versanti con la nostra Città, sarà veramente un film documentario ad accogliere e accompagnare le migliaia di visitatori attese alla Fiera e a rendere merito a quanti ai vari livelli, con il proprio impegno, hanno concorso a scriverne l’operosa “sceneggiatura”. Un grazie ai colleghi Sindaci, alle Amministrazioni e alle associazioni turistiche dei Paesi gemelli, al Ministero delle Politiche agricole, a Regione e Provincia, Camera di commercio e ATL Cuneese, Unione Proloco e Terre dei Savoia. Grazie alla Cassa di Risparmio di Fossano, Banca e Fondazione, alle Fondazioni bancarie CR Torino e CR Cuneo, alla Banca di Cherasco per il loro consolidato, convinto e preziosissimo sostegno; agli Amici della Proloco di Cervere e alle centinaia di Volontari di ogni età perno dell’eccellente servizio in Fiera, al Consorzio dei Produttori del Porro; all’amica e conduttrice TV Sonia De Castelli, alla famiglia Vivalda e all’Antica Corona Reale, all’Azienda agricola e macelleria Bosio, agli Sbandieratori e Musici Principi d’Acaja. E a tutti quanti sceglieranno Cervere fra il 9 e il 24 novembre”.

Nel frattempo, le prenotazioni agli eventi gastronomici, che avranno il proprio clou venerdì 22 alla serata della Cena delle Eccellenze, cominciano a far volgere verso il tutto esaurito la gran parte degli stessi: i recapiti degli Amici della Proloco restano attivi per gestirle al meglio, in linea con l’ottima filosofia organizzativa delle passate edizioni, ai numeri 3343080090 e 3391885313.