Quantcast

Fulmine manda in tilt illuminazione, rinviata la ripresa del cantiere sulla Cuneo-Caraglio

Si ripartirà lunedì 9 settembre e il traffico sarà ribaltato sulla provinciale 23

Caraglio. La ripresa del cantiere per la rotatoria sulla Cuneo-Caraglio-Dronero, all’altezza del bivio per Cervasca nel comune di Bernezzo, era prevista per la metà di questa settimana, ma tarderà di qualche giorno, almeno fino a lunedì prossimo 9 settembre. Da quella data il traffico sarà ribaltato sulla provinciale 23 fino alla rotatoria di Torrette, per poi farlo rientrare sulla strada prima di San Rocco di Bernezzo, evitando in tal modo semafori e lunghe code e limitando i disagi al traffico.

E’ stato il fulmine di domenica sera 1 settembre a San Rocco di Bernezzo a danneggiare pesantemente la rete di illuminazione pubblica in via Valle Grana-strada provinciale 422 nel tratto compreso fra la rotatoria in direzione Caraglio fino a via Pellegrino. Dalle verifiche tecniche risultano danneggiati e spenti 25 punti luce, oltre ai danni al quadro di comando posizionato davanti a Menardi Auto e sicuri danni alla linea sotterranea di alimentazione, per ora non localizzabili con precisione. La Provincia ha già incaricato una ditta per sostituire le armature luminose, almeno per il tratto fra la rotatoria e la bretella provinciale. Per motivi di sicurezza è infatti indispensabile riattivare l’illuminazione per poter procedere ai lavori sulla strada (ora al buio) e alla prossima deviazione del traffico sulla sp 41.

Appena la zona sarà di nuovo illuminata la Provincia ribalterà il traffico della strada provinciale 422 Cuneo-Caraglio sulla provinciale 23 e potrà proseguire in sicurezza i lavori per il completamento della rotatoria nella parte ancora mancante. La nuova rotatoria (diametro 60 metri) andrà a regolare l’incrocio tra la strada provinciale 422 Cuneo-Dronero e la provinciale 23 bivio con la provinciale 422 Cervasca. I lavori sono eseguiti dall’impresa appaltatrice Edilizia Generale srl di Sondrio e finanziati da Scr (Società committenza regionale) per un importo lavori di 381.000 euro.