Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il presidente della Provincia Borgna alla festa patronale di Castelmagno

Lunedì 19 agosto festa del santo patrono San Magno in alta Valle Grana e cerimonia di consacrazione della Provincia alla Vergine Assunta

Castelmagno. Anche quest’anno sarà il presidente della Provincia Federico Borgna, accompagnato dal gonfalone ufficiale, a rappresentare l’ente alla tradizionale festa di San Magno al santuario dell’alta Valle Grana, nel Comune di Castelmagno. Un appuntamento che si ripete da oltre sessanta’anni, da quando cioè il 15 agosto 1957 l’allora presidente  Giovanni Giraudo, davanti al quadro votivo dell’Assunzione di Maria  Vergine venerato nel santuario di Castelmagno, consacrava ufficialmente “Cuneo e la Provincia Granda alla Vergine Madre assunta alla gloria e assisa alla destra del Divin Figlio affidandola al suo cuore”.

La processione delle 10,30 sarà guidata dal vescovo di Cuneo e Fossano, monsignor Piero Delbosco e scortata dal gruppo militare medievale con costumi d’epoca e armi dell’Abaio, oltre alle autorità militari, civili e religiose. Seguirà la messa solenne delle 11 celebrata dal vescovo nel santuario dedicato a San Magno martire, luogo di grande devozione popolare per agricoltori ed allevatori della Granda che affidano alla protezione del santo la salute propria e quella dei loro animali, come testimoniano decine  di  ex-voto per  le  grazie  ricevute e affissi alle pareti della chiesa.

L’edificio sacro custodisce anche l’antica cappella, ben restaurata e costruita in due periodi distinti, dove la prima cappella Allemandi venne ampliata ad opera del Botoneri, frate francescano di Cherasco il quale ne modificò la struttura e soprattutto la decorazione. Gli affreschi avevano come scopo principale la catechesi della popolazione locale, povera ed analfabeta, che grazie alle immagini poteva venire a conoscenza di quanto narrato e descritto nei Vangeli. Oltre agli eventi salienti della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo, sono raffigurati anche santi particolarmente legati alla tradizione locale.