Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ospedale di Fossano, la SOMS attrezza una sala per gli utenti

Nuovo spazio confortevole e accessibile per il reinserimento sociale dei pazienti della Riabilitazione nella società

Più informazioni su

Fossano. Uno spazio dedicato, un ambiente stimolante e accessibile per i degenti della struttura di Medicina fisica e riabilitazione dell’ospedale di Fossano. E’ la donazione, concretizzata in arredi e attrezzature, fatta dalla SOMS, la Società Operaia di Mutuo Soccorso.

“Abbiamo deciso di beneficiare il nostro ospedale di arredi e attrezzature acquistate con il contributo raccolto e a noi elargito dalla compagnia teatrale fossanese Face ‘d Tola, lo scorso mese di marzo – spiega il presidente della Soms, Michele Simeoni, accompagnato per l’occasione dal vice Luca Bosio e da tutto il direttivo -. E credo ci sarà l’occasione per altri interventi.”

La funzione di questa ex palestra trasformata in uno spazio libero per i nostri pazienti la spiega il direttore della Struttura, Marco Quercio: “Prima ci limitavamo alle uscite terapeutiche, oggi integriamo il percorso con questa nuova occasione. L’efficacia è dimostrata dalla letteratura e dalla nostra esperienza. Qui si potrà dare corso ad attività ludiche-ricreative, è garantita l’accessibilità multimediale, l’audiovisione con Smart TV. E’ inoltre disponibile materiale cartaceo per la formazione, giochi di società e logica, strumenti di orientamento spazio-temporale.”

Ringrazia il direttore generale dell’Asl CN1, Salvatore Brugaletta: “L’idea, che ho ereditato e condivido, di mantenere un ospedale diffuso sul territorio con tre sedi – Savigliano, Saluzzo e Fossano – a diversa vocazione e integrate tra di loro è vincente. Fossano come polo pubblico di riabilitazione sta crescendo. La Città, attraverso la Fondazione CRF e le associazioni, dimostra di essere molto vicina alla struttura e contribuisce a renderla migliore. Grazie oggi alla Soms.”

Più informazioni su