Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione chiederà riduzione dei pedaggi su Torino-Savona

"Ad aggiungersi alla situazione difficile per turisti, trasportatori e semplici pendolari, gli ormai annuali aumenti che, magicamente, a inizio 2019 hanno riguardato esclusivamente il Piemonte, tra cui la A6"

Cuneo. Scrive Fabrizio Biolè, sindaco di Gaiola e Alessandro Ingaria primo cittadino di Priero

 

“Con piacere apprendiamo la notizia, sia pur ancora con riscontri puramente formali, della presa di posizione unanime del Consiglio Regionale del Piemonte nel voler sollecitare la società concessionaria della Torino-Savona a ridurre i pedaggi fino a quando i pesanti lavori di manutenzione in corso non saranno ultimati.
Nessuno mette in dubbio la necessità e l’opportunità di tali interventi, però non è logico che i ritardi, i costi e i consumi anomali non vengano in parte compensati, anche perchè ai lavori autostradali si sommano gli straordinari lavori e le chiusure di alcuni tratti extra autostradali importanti, come la tangenziale di Fossano.

Ad aggiungersi alla situazione difficile per turisti, trasportatori e semplici pendolari, gli ormai annuali aumenti che, magicamente, a inizio 2019 hanno riguardato esclusivamente il Piemonte, tra cui la A6.

Soprattutto per questi motivi, come Sindaci del territorio montano, chiediamo alla Regione ad al Consiglio Regionale di aggiungere alle sollecitazioni votate all’unanimità una richiesta, proposta in questi giorni da Uncem e che condividiamo in toto, al governo centrale di varare una norma che permetta di usare una percentuale dei canoni per le concessioni autostradali incassati dallo stato per la manutenzione della rete stradale secondaria locale e per alimentare il fondo per la montagna, in una semplice, lapalissiana – ma pare non per tutti – logica di pagamento dei servizi ecosistemici-ambientali del territorio montano!”