Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fossano, ritorna in piazza Castello il mercato dei generi alimentari

Terminati i lavori di pavimentazione dell'asse pedonale, il centro storico è pronto a riappropriarsi del mercato cittadino

Più informazioni su

Fossano. Mercoledì 3 aprile i banchi di generi alimentari torneranno in piazza Castello. Anche gli ambulanti di via Cavour, compatibilmente con gli spazi disponibili, andranno a occupare i loro posteggi.

Terminati i lavori di pavimentazione dell’asse pedonale, il centro storico è pronto a riappropriarsi del mercato cittadino. Dalla prossima settimana, come da tempo concordato con i rappresentanti del commercio ambulante e fisso, i banchi ritorneranno in piazza Castello, fino a quando le manifestazioni imporranno il tradizionale trasloco temporaneo primaverile.

“La collocazione di parte del mercato in viale Alpi si è dimostrata una buona alternativa – dichiara l’assessore alle Attività Produttive Cristina Ballario, ma è fuori di dubbio che gli operatori prediligono la sistemazione tradizionale”.

“L’Amministrazione ha cercato di andare incontro alle esigenze di tutti i soggetti coinvolti – spiega il sindaco Sordella. I lavori per la realizzazione dell’isola pedonale andavano fatti e quindi abbiamo dovuto spostare temporaneamente il mercato.
Nonostante l’asse in centro storico non sia ancora completamente ultimato – mancano gli arredi – il più è stato fatto e questo rende possibile il trasferimento da viale Alpi. Con il ritorno in piazza Castello e via Cavour vogliamo rispondere non solo alle esigenze degli ambulanti, ma anche a quelle dei gestori del commercio fisso, che dal mercato ricevono una spinta alle loro attività.
Per quanto possibile, conclude il Sindaco, abbiamo cercato di contenere i disagi e anche il ritorno in piazza Castello va in questa direzione. Ringraziamo il Direttore dei lavori e l’impresa che hanno raccolto le nostre richieste, consentendoci il ritorno alla normalità ben prima di quanto sottoscritto per contratto”.

Più informazioni su