Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

7 ragazzi dell’ITIS di Cuneo all’ONU: “Così ci trasformiamo in cittadini del mondo” foto

Un progetto per i giovani volto a discutere delle problematiche mondiali, "In questo modo riusciamo a renderci conto anche dei problemi mondiali" commentano

Cuneo. Sette ragazzi dell’ITIS di Cuneo hanno partecipato ai lavori della commissione ONU a New York, trascorrendo una settimana nella City.

I ragazzi hanno potuto assistere alla simulazione nel National High School Model United Nation (NHSMUM) accompagnati dalla professoressa Sabrina Tonello e dal preside Ivan Re.

Ogni scuola rappresentava una nazione; all’ITIS è toccata la Grenada. Ogni gruppo di lavoro aveva il compito di proporre delle soluzioni alle problematiche attuali del mondo.

Arrivare a New York ti permette di immergerti in una società multiculturale dove puoi camminare per ore, fianco a fianco a uomini e donne così diversi – commentano i ragazzi del progetto – ma probabilmente così uguali nei pensieri, nei sogni e nelle aspettative. Così ci trasformiamo in cittadini del mondo e, prendendo a prestito la nostra bella
costituzione, volgiamo il nostro sguardo verso gli altri “con pari dignità sociale”, senza distinzioni di razza, lingua, di religione, né tantomeno “di condizioni personali e sociali”.

Gli ultimi giorni sono stati trascorsi a Washington pensando anche alla visita di luoghi importanti quali i memoriali: Lincoln memorial, Campidoglio, Archivi Nazionali e importanti musei tra cui quello relativo alle missioni nello spazio. Gli studenti hanno anche assistito ad una partita di NBA dove hanno potuto vivere sulla loro pelle un altro modo di pensare lo sport. Hanno infatti preso parte ad un vero e proprio show, più che ad una partita di basket, dove ogni tempo morto era riempito con spettacoli e giochi che permettessero a tutto il pubblico di essere coinvolto e partecipare nella grande festa che stava andando in scena davanti ai loro occhi.

Al progetto hanno partecipato: Giordano Stefano, Gribaudo Mattia, Isaia Nicolò (5B elettrotecnica), Giordano Mattia, Giorgis Giovanni, Gerbaudo Simone (4A informatica) e Bagnis Davide (4A robotica).