Quantcast

Un 2018 indimenticabile per la Cantina Terre del Barolo. E il 2019…

Si chiude un anno decisamente in attivo e si guarda a nuovi mercati, mentre continuano gli importanti lavori di ampliamento

Castiglione Falletto. Un inizio 2019 importante per la Cantina Terre del Barolo, caratterizzato da due aspetti: l’approvazione del bilancio (settembre 2017 – agosto 2018) e la nomina del nuovo Direttivo per il triennio 2019-2021. Domenica 13 gennaio i soci si sono ritrovati per approvare il bilancio e per votare i componenti del nuovo direttivo, le cui cariche verranno ufficializzate a breve.

BILANCIO IN FORTE ATTIVO. L’ultimo esercizio si è chiuso con un utile netto superiore ai 3.000.000 Euro, con un fatturato totale che ha ampiamente superato i 18.000.000 Euro, dati che confermano anche quest’anno gli eccellenti risultati dell’anno precedente. Se analizziamo queste cifre, a fronte della situazione globale del mercato, il risultato è assolutamente soddisfacente perché i vini della Cantina Terre del Barolo hanno mantenuto e talvolta ampliato la loro reputazione a livello nazionale ed internazionale, incrementando in alcuni casi anche il valore delle bottiglie, sia nei maggiori mercati che in quelli emergenti, ed attraverso tutti i canali principali di vendita.

Nel dettaglio, le vendite in bottiglia sono aumentate di alcuni punti percentuali in valore a livello globale. Sui mercati internazionali l’aumento è stato quasi dell’8% in valore, un risultato frutto della costante presenza dell’Azienda e dei suoi collaboratori sui mercati nazionali ed internazionali. Le vendite nell’Enoteca interna della Cantina sono in linea con quelle dell’esercizio precedente e nel recente periodo natalizio sono state superiore di quasi il 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I risultati sono pertanto di assoluto rilievo e in costante crescita.
L’impegno anche per il prossimo anno sarà quello di confermare i mercati attuali, soprattutto verso l’estero, e di riuscire a penetrare maggiormente i mercati emergenti, anche con la nuova linea “Arnaldo Rivera”, dedicata a colui che 60 anni fa fondò la Cantina, che sta ottenendo risultati straordinari, a neanche due anni dal lancio.

I vini della Cantina Terre del Barolo hanno ottenuto in questo ultimo anno eccellenti riconoscimenti in Italia e all’estero, e sono presenti con ottimi punteggi sulle più importanti guide di settore. La presenza del “Barolo Arnaldo Rivera 2013 undicicomuni” nella classifica Top 100 dei migliori vini del mondo 2018, redatta da “Wine Spectator”, la più importante rivista mondiale del settore vinicolo, conferma come si stia lavorando intensamente per valorizzare il territorio e le sue straordinarie eccellenze.

INVESTIMENTI E VENDEMMIA 2018. Negli ultimi dodici mesi sono stati implementati investiti ingenti per interventi di miglioramento tecnologico della cantina, infatti dalla vendemmia 2018 è iniziata la produzione interna di spumante Alta Langa DOCG e si è inoltre ampliata la possibilità di vinificare separatamente un maggior numero di parcelle di Barolo con menzione geografica. Da inizio estate sono invece iniziati gli imponenti lavori di ampliamento, che si prevede verranno ultimati nella primavera del 2020.
Si è inoltre investito per incentivare tutti quei viticoltori che nei loro vigneti volontariamente applicano pratiche conservative volte alla tutela ambientale e del territorio.

In Cantina sono state conferite uve di ottima qualità, in particolare dalle vigne più vocate accudite dalle mani dei nostri sapienti viticoltori di Langa, che quest’anno hanno fatto davvero la differenza, guidati e consigliati dagli agronomi della Cantina. Ritornando ad un’annata più in linea con il clima usuale delle nostre colline i dati di produzione sono superiori in quantità per il 15,50% rispetto all’annata precedente, in cui le gelate primaverili e l’estate siccitosa avevano ridotto le rese sulla maggior parte delle varietà.

Per la nuova annata sono già imbottigliate e disponibili lo Chardonnay, la Favorita, l’Arneis e il Langhe Rosato.