Quantcast

Fossano, nuovo corso sulla filiera del noce

Il corso è gratuito e organizzato da INIPA Nord-Ovest nell’ambito di Fruttijob

Fossano. Il consumo di noci nel nostro Paese è in forte crescita, grazie anche alla recente valorizzazione dei benefici di questo frutto, ricco di antiossidanti e nutrienti salutari.
Conseguentemente, da un lato aumentano le importazioni di noci – che si attestano a 26.500 tonnellate all’anno, in particolare da Stati Uniti (65%) e Francia (26%) – dall’altro si espande in Italia la coltivazione di varietà di noci molto diverse da quelle diffuse sul nostro territorio, di taglia ridotta, con entrata in produzione precoce, grande potenziale produttivo e migliore qualità dei frutti.

Viste le nuove opportunità di crescita che si profilano per la nostra agricoltura, INIPA Nord-Ovest, Ente di formazione promosso da Coldiretti, organizza un corso gratuito a numero chiuso (massimo 20 iscritti) sulla filiera del noce, dalla scelta delle varietà e del sito di coltivazione alla gestione degli impianti di noce fino alla lavorazione del prodotto finito.

Il corso, realizzato nell’ambito del progetto Fruttijob grazie al contributo della Fondazione CRC, preparerà in maniera professionale le aziende agricole cuneesi che intendono avvicinarsi a questa coltura, evitando loro investimenti sbagliati che potrebbero vanificare una buona possibilità di crescita economica per l’intero territorio.

Tre le giornate di corso previste: mercoledì 30 gennaio e venerdì 1° febbraio a Fossano si svolgeranno lezioni in aula e in campo tenute da agronomi e professori universitari, tra i maggiori esperti di nocicoltura a livello nazionale. Il 12 febbraio è in programma la visita presso una realtà consolidata e innovativa nella coltivazione di noci in Emilia-Romagna.

Gli imprenditori frutticoli e i collaboratori, soci e coadiuvanti che intendono partecipare, devono obbligatoriamente iscriversi. Possono farlo online all’indirizzo www.inipanordovest.it/corsi/gestione-noceto oppure contattando i tecnici 4A Coldiretti di riferimento, fino ad esaurimento posti, entro martedì 22 gennaio.