Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Saluzzo e Savigliano ci sono “I Giovedi della Salute”

Le serate sono organizzate da “Officina delle Idee” e “Amici dell’ospedale di Savigliano”

Più informazioni su

Saluzzo. Prenderà l’avvio con due serate a Saluzzo il 31 gennaio e il 7 febbraio sul tema della sicurezza del cibo (con replica a Savigliano il 14 e 21 febbraio) l’iniziativa di formazione ed educazione alla salute rivolta alla popolazione, promossa dalle associazioni Officina delle Idee di Saluzzo e Amici dell’ospedale di Savigliano con la collaborazione dell’Asl CN1, presentato venerdi 11 gennaio in conferenza stampa a Saluzzo.
“E’ il coronamento di un percorso virtuoso – dice Salvatore Brugaletta, direttore generale dell’Asl CN1 – per lavorare a fianco dei cittadini che supportano quotidianamente la Sanità locale.”

I “Giovedi della Salute” prevedono, sempre la sera dalle 20.30 alle 22.30, la trattazione di argomenti come l’igiene e la conservazione degli alimenti, il funzionamento del numero unico europeo 112 e il sistema di emergenza sanitaria territoriale 118 (con replica anche a Brossasco e Racconigi, oltre che a Saluzzo e Savigliano), le DAT, disposizioni anticipate di trattamento, il Fascicolo sanitario elettronico, appunti di iconografia della storia.

Interverranno esperti dell’Asl, come il direttore del dipartimento di Prevenzione Mauro Negro, il direttore del SIAN Angelo Pellegrino, il responsabile della Promozione della salute Marcello Caputo, il direttore del 118 Luigi Silimbri, il coordinatore Pietro Montanaro, il responsabile del 112 Walter Occelli, il direttore dell’Oncologia Pietro La Ciura, il coordinatore sanitario dei Presidi Mirco Grillo. Per la parte storica l’ex chirurgo Almerino De Angelis e la docente Serena Buzzi.
Nel corso dell’anno potranno essere inseriti altri temi di interesse per i cittadini.

“L’iniziativa – spiega Giovanni Damiano, presidente dell’Officina – rientra nei compiti statutari delle associazioni e, possiamo dire, accorcia le distanze tra di noi. Occorre fare rete. Questo progetto è un importante punto di partenza, anche se continueremo a mantenere viva l’attenzione sui temi caldi che ci stanno a cuore, come la realizzazione della nuova Dialisi a Saluzzo.”
Anche Remigio Galletto, presidente degli “Amici”, concorda sulla “necessità di ampliare l’orizzonte delle attività del sodalizio e avviare iniziative di formazione e educazione alla salute dei cittadini del territorio.”

L’integrazione tra professionisti e cittadini è un valore aggiunto dell’iniziativa. Maria Teresa Rubiolo dell’Officina ha seguito da vicino con l’Asl, l’organizzazione delle serate: “In questo modo si migliora la qualità di vita degli assistiti e si riducono anche le problematiche che possono crearsi tra le Strutture e gli stessi fruitori dei servizi. L’iniziativa inoltre è legata a richieste delle vigenti normative.” I cittadini potranno pertanto, rafforzando le loro capacità e competenze, aumentare il controllo sulla propria salute e migliorarla.
All’incontro di presentazione di venerdi era presente anche il sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni.

Più informazioni su