Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La secolare tradizione del Marrone di Caraglio foto

"Ci sono volute sostanziose ore di polverose analisi  storico documentali, occhi arrossati  e frequenti giorni di ricerca autunnale nei colorati e freschi boschi caragliesi. E, alla fine, ciò che si cercava è stato trovato. Ed è  proprio lì, nel posto più frequentato. A portata di mano."

Scrive Lucio Alciati.

“Ci sono voluti otto anni dalla prima notizia.
Ci sono volute sostanziose ore di polverose analisi  storico documentali, occhi arrossati  e frequenti giorni di ricerca autunnale nei colorati e freschi boschi caragliesi.
E, alla fine, ciò che si cercava è stato trovato. Ed è  proprio lì, nel posto più frequentato. A portata di mano.
Il,anticamente, celebrato e premiato ma, purtroppo, letteralmente travisato Marrone di Caraglio è stato identificato.
Le sue vicissitudini sono raccontate sul sito: tipicitadellavallegrana.blogspot.com .
Ora,grazie al conosciuto Felice Bruno, il quale  ha permesso di visionare l’emozionante attestato di premiazione concesso al suo bisnonno omonimo in merito alla presentazione, presso l’Exposition International de la Châtaigne – Congrès du chataignier – Société  Gay – Lussac  di  Limogès il 30/ottobre/1910, del marrone di Caraglio (lo stesso veniva inserito nel catalogo conseguente alla suddetta esposizione indicandolo nominalmente Marrone di Caraglio descrivendolo in tal modo “ Chair ferme et tré sucrée, Bogne ayant parfois jusqu’à trois fruits de premiere grosseur: Arbré cultivé à Caraglio, province de Cuneo. Le maron est une sous –varieté de Sardonne trés appreciée des confiseurs et des gourmets – Italie.”)  e ad una fortuita segnalazione, l’albero è stato riconosciuto.
Pensate quale grande passione e amore per la propria terra e per i suoi luoghi, spinse quel grande e lungimirante uomo ad affrontare, in quei tempi, un viaggio lunghissimo , faticoso e costoso, compiuto in carrozze sobbalzanti su strade impolverate e su treni dai vagoni spesso immersi nell’aspro e nero fumo di carbone, a volte mescolato con i caldi sbuffi di vapore delle locomotive,  per far conoscere, con orgoglio, quel speciale frutto del suo territorio.
E aveva ragione tant’è che vinse l’importante  médaille de vermeille (medaglia d’argento).
Questo secolare marrone è un bellissimo esemplare, sano, dell’età presumibile di 240 anni, produttore di ottimi frutti di buona pezzatura.
A inizio di quest’anno, in luna vecchia, per gentile concessione dell’altrettanto conosciuto pronipote Roberto Bruno (Pajo), proprietario di questo singolare marrone, sono state prelevate delle marze.
Queste marze sono state innestate, dal noto vivaista dr. Bassi, su giovani semenzali sviluppando belle piantine che sono state poi ritirate e impiantate la scorsa settimana.
Inizia così un nuovo corso,un auspicato sviluppo e un giusto riconoscimento per questo squisito marrone dalla storia romanzesca.
Ma come ogni buon romanzo, il torto non dura e alla fine “tutto è bene quel che finisce bene”.
Intanto si cercherà di produrre altre piantine affinché questa eccellenza ritorni a popolare le terre di Caraglio e i suoi boschi.
Sia valorizzata,tutelata e promossa.
Chissà, potrebbe diventare un’ottima e stimolante  opportunità economica per la sua comunità.”