Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vini, Coldiretti: “Torna origine delle uve in etichetta, ora avanti anche con lo spumante”

Moncalvo: "Occorre impedire l’inganno dell’importazione di mosti e vini stranieri"

Più informazioni su

Cuneo. Dietrofront della Commissione europea che ha rettificato il testo del Regolamento sul vino per assicurare sulle bottiglie dei vini varietali – ottenuti da vitigni internazionali come Chardonnay, Merlot, Cabernet, Sauvignon e Shiraz – l’indicazione di origine delle uve.

“Siamo molto soddisfatti per l’accoglimento della nostra richiesta a tutela di produttori e consumatori – commenta il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo, Roberto Moncalvo – Ora insisteremo perché l’indicazione di origine, per coerenza, sia adottata anche per gli spumanti generici, per i quali oggi si scrive in etichetta solo il Paese dove avviene la spumantizzazione, ma non quello da cui provengono le uve”.

“Occorre impedire l’inganno dell’importazione di mosti e vini stranieri – spiega Moncalvo – da utilizzare in Italia per la produzione di ‘bollicine’ da vendere come Made in Italy, senza alcun legame con i vigneti e il territorio nazionale”.
Coldiretti auspica che si verifichi un’inversione di tendenza nelle politiche comunitarie in un settore già minacciato da altre decisioni che non tutelano la qualità del prodotto e la trasparenza verso i consumatori.

È il caso, ad esempio, dello “zuccheraggio”, l’aggiunta di zucchero al vino che l’Unione europea consente ai Paesi del Centro e Nord Europa, o del via libera al vino senza uva con l’autorizzazione alla produzione e commercializzazione di vini ottenuti dalla fermentazione di lamponi e ribes, molto diffusi nei Paesi dell’Est. Pratiche, queste, che in Italia sarebbero punite come reato di frode ma che all’estero sono permesse, generando una contraddizione inaccettabile.

Più informazioni su