Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In TGV da Nizza a Parigi con meno di 20 euro. Arriva il low-cost “OuiGo”

A partire dal prossimo 9 dicembre

Più informazioni su

Nizza.  Mentre in Italia infuria la polemica tra favorevoli e contrari al completamento della TAV, in Francia questa realtà esiste dagli anni ’80, e funziona alla grande soprattutto lungo l’asse Parigi – Marsiglia. Considerato il successo ottenuto, la linea si è allungata a est sino a Nizza e adesso è anche arrivato il momento dei Tgv low-cost.

Se ne occuperà una società del gruppo SNCF (Ferrovie dello Stato francesi), la OuiGo, già operativa da Marsiglia alla capitale e che a partire dal prossimo 9 dicembre arriverà sino a Nizza. A differenza dalle tariffe praticate abitualmente dalla “compagnia di bandiera”, la OuiGo ha annunciato i suoi prezzi di lancio e promozione, assolutamente concorrenziali nei confronti di qualsiasi altro mezzo di trasporto. Si potrà coprire la tratta Nizza – Parigi in 5 ore e 45′ al prezzo di soli 19 euro per gli adulti e di soli 8 euro per i bambini sino a 11 anni di età.

La porta parole di OuiGo spiega che proporre certe tariffe è stato possibile grazie ad un incremento delle corse su quel percorso: i Tgv a basso costo proporranno due corse giornaliere con soste nelle stazioni capolinea di soli 45 minuti. Le fermate da Nizza a Marsiglia sono previste ad Antibes, Cannes, Saint Raphael, Les Arcs-Draguignan e Tolone. Il Tgv della OuiGo avrà una capacità di accoglienza del 25% superiore a quelli classici, per un totale di clienti trasportabili pari a 1.268 passeggeri, grazie all’eliminazione del vagone ristorante e della prima classe.

Ci sono poi altre opzioni riguardo l’acquisto on-line dei biglietti, sulla tipologia ammessa del bagaglio e sugli eventuali costi accessori, esattamente come previsto sui voli low-cost. Il guanto di sfida è lanciato, OuiGo si è data due anni di tempo per un bilancio di questa iniziativa ma nel frattempo le compagnie aeree, il trasporto via autobus tipo Flixbus, o la condivisione dei costi sul modello ‘Bla Bla Car’ potrebbero soffrire parecchio questa concorrenza che si annuncia spietata. A tutto vantaggio del privato viaggiatore.

Più informazioni su