Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Siete pazzi per i selfie? Fate attenzione perché potreste morire

Sono 259 le persone decedute facendosi un selfie tra l'ottobre 2015 e il novembre 2017, a riportare i dati è la rivista indiana Journal of Family Medicine and Primary Care

Più informazioni su

“Pazzo per gli autoscatti? Sei fotosensibile!” così dice la canzone Generazione Bho di Fedez, negli ultimi anni infatti, il selfie è diventato una moda mondiale, ogni giorno, parlando solo di dati italiani, se ne scattano più di un milione e mezzo.

L’autoscatto, che con la nascita degli smartphone a fotocamera interna si è trasformato in selfie, è entrato a far parte della vita di tutti i possessori di cellulare, dai più piccini ai più grandi. C’è chi li scatta per divertimento, chi per narcisismo, chi per ricordo e chi per condividere una foto con le persone più importanti, che sia la famiglia, il coniuge o il proprio attore preferito.

 

Pochi però sanno che un semplice selfie scattato in determinate circostanze può risultare fatale. A dirlo è uno studio che si è svolto in India quest’estate e che riporta dati allarmanti in merito ai decessi durante l’autoscatto.

259 persone sono infatti morte facendosi un selfie tra l’ottobre 2015 e il novembre 2017, a riportare i dati è la rivista indiana Journal of Family Medicine and Primary Care.

Il numero dei morti è drasticamente aumentato, secondo i dati riportati si è passati da 50 decessi nel 2015 a 98 nel 2016, per poi migliorare nel 2017 con 93 casi.

Questi dati però non sono precisi. I ricercatori infatti hanno analizzato la stampa mondiale censendo il web con parole chiave tipo “morto durante un selfie” o “incidente selfie”, al fine di avere in seguito dati più o meno precisi.

La pubblicazione riporta anche le zone dove i selfie sono sconsigliati.

Le cause di morte sono principalmente per affogamento, incidenti in macchina o cadute violente. L’età media di una vittima si attesta a 22,94 anni e gli uomini sono i più toccati, con i tre quarti dei decessi.

Non a caso lo studio è stato svolto in India, lo stato che al 2018 registra la più alta percentuale di vittime del selfie, seguita dalla Russia, Stati Uniti e Pakistan.

Più della metà delle 259 persone decedute recensite da ottobre 2011 a novembre 2017 hanno avuto luogo in India. Una tendenza che si spiega in parte per il fatto che “i selfie di gruppo sono quelli più alla moda nello stato asiatico rispetto agli altri paesi del mondo”, precisa lo studio.

“I selfie a noi stessi non sono pericolosi, ma è l’azione che stiamo compiendo durante lo scatto che lo è. Le persone hanno bisogno di essere educate riguardo questa pratica, per poterle sensibilizzare ai rischi” aggiungono i ricercatori, che prevedono l’installazione da qui a pochi anni di zone vietate agli autoscatti.

 

 

 

 

 

 

 

Più informazioni su