Quantcast

“Quale destino per la Grande Fiera d’Estate di Cuneo?”

A chiederlo in un'interpellanza a sindaco ed assessore competente è il consigliere comunale Massimo Garnero (Fratelli d'Italia)

Cuneo. Si parlerà anche di Grande Fiera d’Estate e del fatto che dopo 42 anni il capoluogo potrebbe perderla, nel Consiglio Comunale di Cuneo in programma lunedì 22 e martedì 23 ottobre.

A porre la questione è un’interpellanza del consigliere di Fratelli d’Italia, Massimo Garnero, il quale riferisce che gli organizzatori dell’evento si limitano a un no comment e che gli espositori dell’ultima edizione si sono espressi contrariamente in merito allo spostamento della manifestazione in altra sede.

Secondo Garnero, se davvero la Fiera se ne andasse da Cuneo “la città perderebbe l’ennesimo grande evento che dà lavoro a centinaia di persone, senza dimenticare l’indotto che genera questo evento nei locali pubblici, nelle strutture ricettive e più in generale nel tessuto commerciale cittadino”.

“Lo spostamento della Grande Fiera d’Estate in un altro comune va analizzata in un contesto più ampio, perché quella che dovrebbe essere la capitale della provincia anche sotto il prolilo dei grandi eventi, oggi appare priva di progettualità organica e condivisa” aggiunge Garnero.

A tale proposito, dunque, il consigliere del partito che fa capo a Giorgia Meloni interpella il Sindaco e l’assessore competente per conoscere se vi è la volontà di trovare una sede confacente alla Grande Fiera d’Estate e come si intende operare per evitare che questa fiera abbandoni Cuneo