Quantcast

“Eccellenze in Piazza”: al via il mercatino di Campagna Amica alla Fiera del Marrone di Cuneo

Vastissima la selezione di prodotti sui banchi gialli delle aziende, cinquanta in tutto

Cuneo.  Non si esaurisce l’impegno di Coldiretti per la promozione del Made in Italy e della filiera corta tutta italiana. Da questa mattina a Cuneo, alla Fiera nazionale del Marrone, un grande mercato Campagna Amica propone eccellenze agroalimentari nel salotto cittadino.

In piazza Galimberti, sul lato di Corso Nizza, i visitatori incontreranno direttamente i nostri produttori e potranno conoscere ed acquistare prodotti agricoli freschi e trasformati, di origine certa, italiana, garantita dal marchio Campagna Amica.

Le aziende, oltre che dal Cuneese, giungono dall’Astigiano, dall’Alessandrino, dall’Imperiese e dal Savonese. In più, novità di quest’anno, il mercato ospita un’azienda della provincia di Parma che propone parmigiano reggiano bio.

Vastissima la selezione di prodotti sui banchi gialli delle aziende, cinquanta in tutto: la Castagna Cuneo IGP, le nocciole, il miele e le confetture, i pregiati vini del territorio, i formaggi e lo yogurt, i salumi, l’olio e le olive, il pesto, i peperoncini, i ceci, la frutta e la verdura con i relativi trasformati, i prodotti da forno, la farina per polenta, le lumache, le tisane e le spezie, gli estratti di erbe officinali, gli sciroppi e i liquori, le uova e lo zabaglione.

“Durante i giorni di Fiera – dichiara il Direttore di Coldiretti Cuneo Tino Arosiochi intende sostenere la filiera agricola tutta italiana, oltre ad acquistare i prodotti Campagna Amica, può firmare nello stand Coldiretti in piazza Galimberti o nell’area didattica in piazza Virginio per la petizione ‘Scegli l’origine’. Si tratta di una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei coordinata da Coldiretti e Campagna Amica, con cui chiediamo alla Commissione europea di imporre una dichiarazione obbligatoria di origine per tutti i prodotti alimentari al fine di prevenire le frodi, proteggere la salute pubblica e garantire il diritto dei consumatori all’informazione”.