Quantcast

Banca di Cherasco convoca l’Assemblea Straordinaria

Sabato 10 novembre, in seconda convocazione, i Soci sono invitati al Lago dei Salici per Assemblea e Cena Sociale

Roreto di Cherasco. Banca di Cherasco ha convocato l’Assemblea Straordinaria dei Soci che si terrà, in prima convocazione il 9 novembre, nei locali della Sede Sociale in Roreto di Cherasco, Via Bra n. 15, alle 9 ed in seconda convocazione, sabato 10 novembre presso il Lago dei Salici, Caramagna Piemonte, alle 17.

A fronte della riforma delle Banche di Credito Cooperativo, contenuta nella Legge 49/2016, Banca di Cherasco ha deciso di far parte del gruppo “Cassa Centrale Banca- Credito Cooperativo Italiano- S.p.A.”, con sede a Trento.

La riforma prevede che, con l’adesione al Gruppo Bancario Cooperativo, ogni BCC debba adeguare il proprio Statuto Sociale e sottoscrivere il “contratto di coesione”. Per questo motivo, Banca di Cherasco ha convocato al voto i propri Soci in una grande Assemblea Straordinaria che si concluderà con una Cena Sociale. I Soci sono stati invitati a portare anche i propri figli, a cui sarà dedicato il “Club Mini Soci”, un’area dove giocare e cenare con il supporto di una cooperativa sociale specializzata. La riunione del 10 novembre sarà dunque un’occasione di festa per i Soci e le loro famiglie, oltre al momento istituzionale dell’Assemblea Straordinaria.

Con l’approvazione delle proposte di modifiche allo Statuto, l’Assemblea dei Soci certificherà formalmente l’adesione di Banca di Cherasco al “Gruppo Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano S.p.A.”

Con l’avvio effettivo del Gruppo, previsto per il 1° gennaio 2019, Banca di Cherasco sarà parte di una rete di circa novanta Banche di Credito Cooperativo, raccolte sotto la Capogruppo trentina, alla quale sarà demandata la direzione ed il coordinamento delle attività sul territorio.

All’interno del Consiglio di Amministrazione della Capogruppo saranno presenti i rappresentanti delle Banche di Credito Cooperativo, che ne avranno il controllo tramite la detenzione della maggioranza del capitale sociale.

Il Gruppo bancario Cassa Centrale Banca sarà formato dunque da circa novanta BCC, con una presenza capillare sul territorio garantita da oltre 1.500 sportelli e con un totale attivo pari a € 72.7 mld. Questo significa che i Soci, i depositanti, i clienti ed i dipendenti della Banca saranno ancora più garantiti e potranno continuare ad operare a far parte del Credito Cooperativo con migliorate prospettive di crescita e di sviluppo del territorio.

L’assoggettamento alla direzione e al coordinamento della Capogruppo potrà comportare qualche rinuncia in termini di autonomia decisionale, ampiamente compensata, però, dalla nuova forza che verrà garantita dall’unione di tante Banche del territorio.

Banca di Cherasco potrà continuare a sostenere le più meritevoli iniziative di valorizzazione del territorio, mediante erogazione di contributi o altre forme di intervento e, nel contempo, potrà dedicarsi con più risorse e maggiori strumenti, allo sviluppo delle iniziative imprenditoriali e delle necessità familiari di Soci e clienti.

“È dunque arrivato il momento di concretizzare con atto formale la decisione, da tempo presa, di entrare a far parte di un Gruppo bancario che per dimensione, solidità patrimoniale e capacità imprenditoriale sarà di certo un protagonista nel settore del credito bancario” dichiara Giovanni Claudio Olivero, Presidente di Banca di Cherasco. “A nome mio, del Consiglio di Amministrazione e della Direzione Generale di Banca di Cherasco, invito i soci ad affrontare il cambiamento con fiducia e confermo il nostro massimo impegno nella difesa dei valori fondanti del Credito Cooperativo e degli interessi del nostro territorio. Il tutto in un contesto nuovo di maggiori garanzie e tutele per i Soci, i clienti ed i dipendenti del nostro Istituto di credito”.