Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“In caso di sospetto infarto chiamare il numero dell’emergenza 112”

E' la raccomandazione principale scaturita ieri sera nel partecipato incontro sulla prevenzione tenuto in Casa Francotto a Busca dai primari di Cardiologia e Neurologia dell'ospedale di Savigliano

Busca. In caso di sospetto infarto miocardico in corso c’è una cosa sola da fare: chiamare il numero dell’emergenza 112 e rispettare tutte le istruzioni elargite al telefono dagli esperti. Infatti, in provincia di Cuneo come in tutto il Piemonte, è attiva la Rete regionale per la terapia dello “Stemi”, un sistema organizzativo tra 118 (che parte con la chiamata al 112) e le Cardiologie della regione, con la collaborazione dei Dea, che permettere la più rapida diagnosi e la più efficace terapia per tutti i pazienti che vivano in qualsiasi posto del Piemonte. Questa procedura è di gran lunga la più efficace, anche rispetto al recarsi in un qualsiasi pronto soccorso.

Ed è questa la raccomandazione più importante data ieri sera nel corso dell’incontro, molto partecipato, in Casa Francotto di prevenzione verso l’infarto miocardico e l’ictus cerebrale, con relatori Baldassarre Doronzo, direttore della Cardiologia dell’ospedale di Savigliano, e  Roberta Bongioanni, direttrice della Neurologia dell’ospedale di Savigliano.

L’incontro è stato organizzato dall’associazione Amici dell’Ospedale di Savigliano, insieme con la Città di Busca e fa seguito alla prima tappa in città della Pedalata del cuore, che si è tenuta domenica 9 settembre scorso.

“Tra Savigliano e Busca – spiegano il sindaco Marco Gallo e il consigliere comunale Jacopo Giamello che ha seguito l’inziativa  –  si è instaurata una solida collaborazione in fatto di prevenzione e  cura delle malattie cardiache. Ringraziamo  l’associazione saviglianese e i relatori volontari per l’organizzazione di questa serata”.

Salutando il pubblico, il primario Doronzo ha sottolineato la sua vicinanza a Busca sia come luogo prediletto  delle sue escursioni sportive  sui bellissimi percorsi collinari sia per la vivacità anche in tema di prevenzione sanitaria.

Dopo aver spiegato come l’infarto e l’ictus siano le prima causa di morte e di grave invalidità  e come si manifestano e si curano queste malattie, i due medici hanno elencato i modi più efficaci per prevenirli: non fumare, dieta sana a base di verdura, frutta e pesce, moderata e costante attività sportiva e controllo del peso.

I relatori, in particolare, hanno insistito sull’importanza di non trascurare i sintomi e di non rimandare l’intervento  dei sanitari, perché la tempestività della cura, a livello di minuti e ore è determinante.