Il treno nelle valli Vermenagna e Roya: più di un secolo di passione

Riaperta a luglio dopo un lungo periodo di stop per lavori, la linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza continua a suscitare interesse

È stata inaugurata il 30 ottobre 1928 ma la sua storia è decisamente più antica, poiché la sua costruzione fu proposta addirittura da Camillo Benso, conte di Cavour e presidente del Consiglio dei Ministri del Regno di Sardegna, nel 1853 e attuata a tappe a partire dal 1887.

Si tratta della linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza, una delle più spettacolari tratte ferroviarie di tutto l’arco alpino che suscita ancora oggi, a quasi novant’anni dal suo completamento, un grande interesse grazie a molteplici aspetti, siano essi storici, geografici, strategici, politici, diplomatici, tecnici o semplicemente turistici.

Un interesse che si ravvisa in modo clamoroso sul web, dove la pagina Facebook del progetto Alcotra “Vermenagna-Roya. Il nostro patrimonio e il vostro turismo in Vermenagna-Roya” pubblica ogni mese immagini e curiosità legate alla linea ferroviaria, riscuotendo grande successo da parte del pubblico: ogni “post” dedicato alla ferrovia ottiene un numero di interazioni dieci volte superiore alla media di tutti gli altri contenuti divulgati. Segno della grande attenzione con cui viene seguita, sia sul versante italiano sia su quello francese, quest’opera di ingegneria civile che sta cercando di tornare a giocare un ruolo di primo piano per il nostro territorio, in termini prevalentemente turistici come avviene per altre linee storiche.

Si inserisce in questo quadro di grande fermento intorno alla ferrovia del Colle di Tenda, ricca tra l’altro di primati ingegneristici, il progetto “Les trains du Col de Tende”, una storia della linea ferroviaria in tre volumi che sta per vedere la luce: il primo tomo, dedicato agli anni dal 1858 al 1928 sarà infatti pubblicato intorno alla metà di settembre.

Il libro, realizzato nel formato 21 x 29,7 cm, rilegato e stampato a colori, consta di 392 pagine dove trovano spazio non soltanto notizie e approfondite ricostruzioni storiche ma anche e soprattutto centinaia di rare immagini e illustrazioni: una documentazione irrinunciabile per gli appassionati di storia ferroviaria.

Il libro “Les trains du Col de Tende. Volume 1: 1858-1928” sarà presentato sabato 6 ottobre a Robilante (ore 21 presso la Confraternita di Santa Croce, piazza Olivero; ingresso libero) e domenica 7 ottobre a Breil-sur-Roya (ore 14.30 presso la sala comunale A Ca d’Breï, ingresso libero).

Gli autori di questo testo, già al lavoro ai due successivi volumi della collana che usciranno nei prossimi anni, sono José Banaudo, Michel Braun e Gérard De Santos, profondi conoscitori della storia di questa linea ferroviaria e membri dell’Association de l’Ecomusée du Haut-Pays et des Transports di Breil-sur-Roya. Proprio in favore delle attività dell’Ecomuseo, impegnato a preservare il ricco patrimonio ferroviario conservato e visitabile a Breil-sur-Roya dal 1° maggio al 30 settembre di ogni anno, verranno devoluti gli introiti derivanti dalla vendita del libro, che ha un prezzo di copertina di € 69,00 e potrà essere acquistato presso le librerie della Valle Roya o tramite richiesta all’Association de l’Ecomusée du Haut-Pays et des Transports, con versamento bancario sul conto dell’associazione (Crédit Agricole 06540 Breil-sur-Roya IBAN FR76 19106006264366564460033; codice BIC – swift: AGRIFRPP891) o tramite invio di un assegno a Association de l’Ecomusée, Boite Postale 49 – 06540 Breil-sur-Roya (France).