Banchieri a tavola nei Balcani. Educazione alimentare e finanziaria unite “à la carte” anche a Pristina

Il best seller di Ghisolfi protagonista nel ristorante scelto anche dai capi di Stato

Provincia. L’appetito di educazione finanziaria viene mangiando così come la fame di educazione alimentare. Un binomio “à la carte” – nel senso francofono dell’espressione – che è protagonista anche a Pristina, la capitale del Kosovo che dalla fine di quest’anno sarà ancora più Europea grazie alla prossima decisione di Bruxelles di liberalizzare i visti turistici e lavorativi sul modello della cooperazione già in atto con l’Albania da otto anni.

Ospite della cortesia della signora Florie, proprietaria del ristorante “Le Bouchon” – premiato dall’ambasciata francese come miglior esempio di eccellenza enogastronomica transalpina nei Balcani e scelto anche dal Presidente della Repubblica del Kosovo Hashim Thaci – l’inviato dalla Granda Alessandro Zorgniotti ha omaggiato una copia Aragno del best sellers Banchieri di Beppe Ghisolfi, Vicepresidente e tesoriere del Gruppo Europeo delle Casse di Risparmio al quale aderisce anche la Banca commerciale nazionale Bkt leader creditizia in Albania e Kosovo.

Con i saluti anche del coordinatore editoriale Alberto Rizzo e dell’imprenditore agroindustriale Marco Buttieri, nel corso dell’amichevole conversazione con la signora Florie sono stati affrontati alcuni punti di una possibile collaborazione con la provincia Granda, ideale trait d’union fra Balcani e Costa Azzurra grazie anche al lavoro svolto dalle Camere di commercio di Cuneo e di Nizza e da associazioni come CNA Banca dei sapori.