Cuneo24 - Notizie in tempo reale, news a Cuneo e provincia di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vinadio, la creatività torna protagonista nel “Temporary Shop” al Forte

Dal 26 luglio al 26 agosto la Fondazione Artea apre il negozio temporaneo dedicato agli artigiani e ai produttori agricoli della provincia di Cuneo

Vinadio. Ritorna l’appuntamento estivo con il Temporary Shop nel Forte di Vinadio. Giovedì 26 luglio, alle 14,30, riapre i battenti per la nuova edizione, la sesta, il negozio temporaneo dedicato alle creazioni dell’artigianato artistico e alle produzioni del territorio della provincia di Cuneo, promosso e organizzato dalla Fondazione Artea in collaborazione con il Comune di Vinadio. Il Temporary Shop proseguirà l’apertura al pubblico fino a domenica 26 agosto con i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle ore 14,30 alle 19, domenica e festivi dalle 10 alle 19. L’accesso è previsto da Porta Francia (Piazza Vittorio Veneto); l’ingresso è libero. Per maggiori informazioni telefonare allo 0171/959151 340/4962384 o visitare il sito www.fondazioeartea.org.

L’edizione 2018 del Temporary Shop ospiterà diciotto espositori del territorio, selezionati dalla Fondazione Artea e dal Comune di Vinadio, con proposte che spaziano dall’artigianato creativo ai prodotti tipici e alla cosmesi.

Concepito come uno spazio di promozione e vendita, il Temporary Shop nasce nel 2013 come sviluppo concreto di “Montagna in movimento”, il percorso multimediale allestito all’interno del Forte che dedica una delle sue sezioni proprio alle nuove prospettive di vita in montagna. La provincia di Cuneo custodisce una ricca e preziosa storia di saperi e di capacità artigianali, il cui ricordo tramandato dalle genti delle vallate deve essere salvaguardato e può essere rivitalizzato grazie all’ingegno, al coraggio e all’intraprendenza delle nuove generazioni. Un esempio è dato dai numerosi mestieri artigiani un tempo diffusi nelle aree alpine che sono andati via via scomparendo, ma che, negli ultimi anni, vengono ripresi dai molti giovani che stanno cercando di ricostruire la storia della loro famiglia a partire proprio dal mestiere che svolgevano i loro avi. Riscoprono così un’abilità manuale che fa parte del loro DNA e la fanno rivivere, rimescolandola e adattandola alla modernità grazie alla loro inventiva e originalità. La creatività è, in effetti, il fulcro del progetto del Temporary Shop. Tutti gli espositori sono fondamentalmente dei creativi e a ognuno di loro, per questa edizione 2018, è stato chiesto di motivare la scelta di vita che li ha portati a praticare un mestiere artigiano rispondendo ad una domanda precisa: io creo perché!.